Immissioni in ruolo, Anief: Bussetti dimentica di dire che 3 su 4 non si faranno

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Anief – Come se nulla fosse, come se questi problemi fossero “bazzecole” e non macigni su un sistema organizzativo scolastico nazionale che già fa acqua da tutte le parti, dal ministro dell’Istruzione continuano a giungere dichiarazioni rasserenanti: “Stiamo lavorando – dice Marco Bussetti – per concludere con largo anticipo le procedure necessarie per avviare il nuovo anno. Abbiamo anticipato di un mese la mobilità degli insegnanti. Ora procederemo rapidamente con le assunzioni e, subito dopo, con le supplenze”.

“Ma di quali assunzioni in ruolo parla il ministro?”, ribatte Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief. “Se l’anno scorso – prosegue il sindacalista – la maggior parte delle convocazioni degli Uffici scolastici andarono deserte, perché i candidati abilitati, selezionati e formati e pronti a sottoscriverle erano messi ai margini, collocati in graduatorie non utili per le collocazioni a tempo indeterminato, quest’anno potrà solo andare peggio. Prevediamo che 3 immissioni in ruolo su 4 non si realizzeranno e andranno ad aumentare il già altissimo numero di supplenze annuali, anche con ripercussioni negative sulla continuità didattica. Avere anticipato i tempi di qualche settimana non cambia la sostanza delle cose, perché quello che doveva essere fatto, riaprire le GaE e utilizzare anche la seconda fascia delle graduatorie d’istituto per il doppio canale di reclutamento, è rimasto lettera morta”.

Ha del paradossale la richiesta formulata al Mef dal ministro dell’Istruzione di assumere in ruolo 58.627 docenti per il prossimo anno scolastico, dei quali 14.552 di sostegno. Perché la comunicazione, giunta insolitamente via Instagram,  arriva nello stesso giorno in cui lo stesso titolare di viale Trastevere rivela che i due concorsi per 48 mila posti della secondaria saranno banditi solo a fine 2019 e nelle stesse ore in cui il Tar del Lazio mina la credibilità delle procedure selettive organizzate dal Miur annullando l’ultimo concorso per dirigenti scolastici.

“La verità – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – è che dilatandosi i tempi di uscita e attuazione dei concorsi, visto che anche quello doppio del primo ciclo – ordinario e riservato – risulta in alto mare, considerando la loro lentezza e difficoltà di attuazione, si sta andando dritti spediti verso il record delle 200 mila supplenze annuali, come ha sottolineato pochi giorni fa dalla Corte dei Conti. I numeri non ammettono repliche: già oggi vi sono oltre 64 mila posti vacanti e disponibili,  ai quali vanno aggiunti oltre 50 mila di sostegno, più altre decine di migliaia di posti su disciplina, impropriamente e furbescamente collocati in organico di fatto ma in realtà anche questi liberi. Questi ultimi, tra l’altro, sarebbero stati calcolati a parte nella spesa triennale prevista dal Governo e risultano alla base delle proteste dell’opposizione politica per il taglio di 4 miliardi in tre anni alla scuola”.

Il problema, di cui Anief ha parlato per mesi in solitudine, è diventato di dimensioni enormi. In queste ultime ore è stato bene evidenziato anche dalla stampa, sia specialistica che nazionale. “Meno immissioni in ruolo e più supplenze, come ogni anno, potrebbe essere lo scenario che si delinea nelle prossime settimane”, scrive oggi Orizzonte Scuola. Di slittamento dei concorsi delle superiori parla anche La Repubblica, la quale si sofferma sui bandi rinviati “a fine anno, prove a primavera, i primi vincitori chissà quando. Difficile a questo punto capire come pensa di riempire le E intanto, per i prossimi due anni scolastici, decine di migliaia di cattedre coperte da supplenti. Altro che lotta al precariato”.

Per evitare la catastrofe organizzativa, già dal prossimo mese di settembre, in corrispondenza con l’avvio del nuovo anno scolastico, Anief torna ad indicare l’unica strada da percorrere: approvare un decreto urgente, che permetta l’immissione in ruolo di tutti i docenti inseriti nelle graduatorie di merito e Graduatorie regionali di merito del concorso 2018, anche ovviamente degli idonei, oltre che dei docenti abilitati dalle GaE e dei precari con 36 mesi inseriti nelle graduatorie d’istituto.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione