Immissioni in ruolo 2022/2023, 88 mila i posti: 32 mila i pensionamenti e quasi 56 mila le disponibilità. Il calcolo di Pacifico (Anief)

WhatsApp
Telegram

E’ già tempo di fare i primi conteggi per quanto riguarda le prossime immissioni in ruolo. Comincia Marcello Pacifico, presidente dell’Anief, che fornisce alcuni numeri che porterebbero ad ipotizzare circa 88 mila posti per le assunzioni a settembre 2023.

Come scrive infatti il sindacalista, il calcolo di 88 mila posti disponibili per le immissioni in ruolo del prossimo anno si otterrebbe dal numero stimato di pensionamenti che sarebbe di 32.217 sommati alle disponibilità di 55. 952. Di queste, sul sostegno si arriverebbe a  15.574.

Le immissioni in ruolo nella scuola dell’infanzia e primaria, per l’a.s. 2022/23, avverranno attingendo da diverse graduatorie, cui sono destinate differenti percentuali di posti disponibili. Fasi, ordine e percentuali.

Anche per il 2022/23, per le immissioni in ruolo nella scuola dell’infanzia e primaria (e anche secondaria) è prevista una fase straordinaria di assunzioni in ruolo, che segue quella ordinaria:

  1. la fase ordinaria, secondo quanto previsto dall’articolo 399, comma 1, del D.lgs. 297/94 avviene attingendo per il 50% dalle Graduatorie ad esaurimento (GaE) e per il 50% dalle graduatorie di merito concorsuali (GM);
  2. la fase straordinaria, secondo quanto indicato dall’articolo 59/4 del DL 73/2021, convertito in legge n. 106/2021, come novellato dal decreto milleproroghe, avviene attingendo dalle GPS sostegno I fascia e relativi elenchi aggiuntivi.

Stesso discorso anche per la scuola secondaria, dove si attingerà da fase ordinaria e straordinaria, oltre che dalle diverse graduatorie.

E’ previsto il ritorno della call veloce: fatti salvi eventuali provvedimenti di sospensione anche per l’a.s. 2022/23,  la call veloce si svolgerà , tuttavia il MI dovrà chiarire se seguirà le assunzioni da GPS o se le precederà.

Per quanto riguarda i pensionamenti, alcuni Uffici Scolastici cominciano a pubblicare i dati dei pensionamenti 2022. Le disponibilità di posti potranno ritenersi confermate solo dopo l’accertamento del diritto al trattamento pensionistico da parte dell’INPS.

Per il calcolo complessivo delle immissioni in ruolo sarà importante verificare gli esiti della mobilità, che per i docenti è appena iniziata la fase di inoltro delle domande.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur