Immissioni in ruolo 2021 tardive da concorso straordinario, restano escluse le graduatorie pubblicate dopo il 30 novembre

WhatsApp
Telegram

Immissioni in ruolo anno scolastico 2021/22: la legge di Bilancio 2022 ha recuperato qualche contratto a tempo indeterminato, “salvando” le graduatorie del concorso straordinario per il ruolo di cui al DD n. 510 del 23 aprile 2020 pubblicate tardivamente, dopo il 31 agosto ed entro il 30 novembre 2020.

Le relative immissioni in ruolo potranno essere conferite entro il 15 febbraio 2022 sui posti residui delle nomine 2021/22. Quindi la nomina è conferita solo se esiste il posto, dopo l’ultima fase di assunzioni dalle GPS prima fascia ed elenco aggiuntivo.

La normativa

La data del 30 novembre 2021 è arbitraria

Quello che stupisce è avere assunto come data ultima quella del 30 novembre 2021 per operazioni che avvengono nel mese di febbraio 2022.

In questo modo infatti rimangono escluse le graduatorie pubblicate dopo il 30 novembre ma comunque entro il termine ultimo per le operazioni di conferimento dei ruoli.

Vengono segnalate alla redazione di Orizzonte Scuola le seguenti graduatorie (purtroppo nella mail non è indicato a quale regione si faccia riferimento, ma è ininfluente).

AA24
AB25
A060
A049

Si tratta di graduatorie pubblicate a distanza di 14 mesi dallo svolgimento della prova.

Paradossalmente, si è intervenuti con l’emendamento in Legge di Bilancio per eliminare una differenziazione tra le graduatorie pubblicate entro il 31 agosto e quelle successive, e se introduce un’altra assumendo come data di discrimine quella del 30 novembre 2021, senza che a questa corrisponda una esigenza amministrativa definita.

Anche qualora infatti si attribuissero delle nomine in ruolo dopo la chiusura delle domande di mobilità per l’anno scolastico 2022/23 (ma ad oggi non c’è neanche la finestra temporale per la presentazione) il docente avrebbe la possibilità di presentare domanda cartacea entro cinque giorni dalla nomina.

Si tratta indubbiamente di poche graduatorie, ma non per questo il senso dell’equità di trattamento deve venir meno.

Ci auguriamo che nell’ambito del Decreto Milleproroghe si possa intervenire su questo aspetto.

I posti residui delle immissioni in ruolo per un nuovo concorso straordinario

Ricordiamo che il Decreto Sostegni bis aveva canalizzato i posti residui dalle immissioni in ruolo 2021/22 (accantonati i posti per i concorsi ordinari infanzia primaria e secondaria) verso un nuovo concorso straordinario per docenti in possesso di determinati requisiti di servizio.

Ma purtroppo di questo concorso – come d’altronde della procedura straordinaria di abilitazione indetta con DD n. 497 del 21 aprile 2020 – si sono già perse le tracce. Nuovo concorso straordinario entro dicembre 2021: chi può partecipare, come si svolgerà. LE FAQ

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur