Immissioni in ruolo 2020/21: indicazioni per i docenti che usufruiscono della legge 104/92

WhatsApp
Telegram

In questi giorni si stanno svolgendo le immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2020/21 e per i docenti con 104 personale (articoli 21 e 33 comma 6 della Legge 104/1992) o per chi assiste un familiare o affine in condizione di disabilità (comma 5 dell’articolo 33) la normativa prevede quanto segue:

• Diritto nella precedenza dell’assegnazione della sede, con una sostanziale differenza a seconda della precedenza di cui si usufruisce:

Il personale disabile, di cui all’articolo 21 e all’articolo 33, comma 6, della legge 104/92 può usufruire della precedenza all’interno e per la provincia in cui è ubicato il comune di residenza;

Il personale che, invece, presta assistenza a soggetto disabile grave (figlio, coniuge, genitore), beneficia della precedenza per la provincia che comprende il comune ove risulti domiciliato il soggetto disabile.

ORDINE DELLE PRECEDENZE

Hanno diritto ad usufruire delle precedenze i seguenti docenti:
• disabili di cui all’art. 21, della legge n. 104/92, richiamato dall’art. 601 del D.L. vo n. 297/94, con un grado di invalidità superiore ai due terzi o con minorazioni iscritte alle categorie prima, seconda e terza della tabella “A” annessa alla legge 10 agosto 1950, n. 648;
• personale appartenente alle categorie previste dal comma 6, dell’art. 33 della legge n. 104/92, richiamato dall’art. 601, del D.L.vo n. 297/94;
• genitori anche adottivi del disabile in situazione di gravità o chi, individuato dall’autorità giudiziaria competente, esercita legale tutela del disabile in situazione di gravità. Qualora entrambi i genitori siano impossibilitati a provvedere all’assistenza del figlio disabile grave perché totalmente inabili, viene riconosciuta la precedenza anche ad uno dei fratelli o delle sorelle, in grado di prestare assistenza, conviventi del soggetto disabile in situazione di gravità o a chi, individuato dall’autorità giudiziaria competente, esercita tale tutela;
• assistenza al coniuge;
• figlio individuato come referente unico che presta assistenza al genitore disabile in situazione di gravità.

In caso di figlio che assiste un genitore in qualità di referente unico, la precedenza viene riconosciuta in presenza di tutte le sottoelencate condizioni:
1. documentata impossibilità del coniuge di provvedere all’assistenza per motivi oggettivi;
2. documentata impossibilità, da parte di ciascun altro figlio di effettuare l’assistenza al genitore disabile in situazione di gravità per ragioni esclusivamente oggettive, tali da non consentire l’effettiva assistenza nel corso dell’anno scolastico. La documentazione rilasciata dagli altri figli (attestante l’impossibilità oggettiva ad assistere il genere) non è necessaria laddove il figlio richiedente la precedenza in qualità di referente unico, sia anche l’unico figlio convivente con il genitore disabile. Tale situazione di convivenza deve essere documentata dall’interessato con dichiarazione personale sotto la propria responsabilità, redatta ai sensi delle disposizioni contenute nel D.P.R. 28.12.2000, n. 445 e successive modifiche ed integrazioni.
3. essere anche l’unico figlio che ha chiesto di fruire periodicamente nell’anno scolastico in cui si presenta la domanda di mobilità, dei 3 giorni di permesso retribuito mensile per l’assistenza ovvero del congedo straordinario ai sensi dell’art. 42 comma 5 del D.L. vo 151/2001.

Vediamo come opera la Legge 104/1992 a seconda dei canali di reclutamento delle immissioni in ruolo:

IMMISSIONI IN RUOLO DA GRADUATORIE DI MERITO
Per le nomine in ruolo da graduatorie di merito, si attingerà dalle graduatorie di merito relative a concorsi svolti su base regionale, il sistema delle precedenze in riferimento alla alla Legge 104/1992 (art. 21, art. 33 comma 6 e art. 33 commi 5 e 7) non riguarderà la scelta della provincia ma potrà essere utilizzata per la scelta della sede soltanto all’interno della provincia.

Questo significa che il docente potrà usufruire la sua priorità soltanto nella scelta della sede all’interno della provincia.

IMMISSIONE IN RUOLO DA GRADUATORIA AD ESAURIMENTO

Avranno diritto a scegliere con priorità l’istituto scolastico, coloro che in fase di aggiornamento della graduatoria ad esaurimento, lo avranno indicato nella sezione specifica della domanda di aggiornamento GAE e allegando le relative certificazioni.
Nel caso di disabilità personale, il docente avrà la precedenza nella scelta di qualsiasi istituto all’interno della provincia, diversamente per l’assistenza ad un parente o affine disabile, dovrà optare per scuole ubicate nel comune dove risulta domiciliato il parente disabile.

• IMMISSIONI IN RUOLO 2020/2021 DA GRADUATORIE DI MERITO

Sappiamo che quest’anno le procedure di immissione in ruolo si stanno svolgendo in modalità telematica per cui i docenti interessati, inseriti nelle graduatorie di merito, indicheranno in una prima fase l’ordine di priorità delle province.

Successivamente dopo aver ottenuto l’assegnazione della provincia, seguendo le indicazioni degli uffici scolastici provinciali, dovranno scegliere la sede ed esprimere l’eventuale ordine di preferenza delle sedi disponibili. Ciò andrà fatto compilando la domanda per la scelta della sede, presente nelle funzioni di Istanze on line e allegando tutta la documentazione e la certificazione che attesti il diritto di precedenza.

I docenti che hanno diritto alla precedenza come da legge 104/1992, così come è anche previsto dal vigente contratto nazionale integrativo sulla mobilità del personale di ruolo, avranno assegnate le sedi prescelte con priorità rispetto agli altri aspiranti non beneficiari.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur