Immissioni in ruolo 2020/21, ok dal MEF per 84.808 docenti. Le istruzioni per la domanda, le regole assunzioni, le info per la call veloce [SPECIALE]

Immissioni in ruolo 2020/21: ok dal MEF per l’assunzione di 84.808 docenti. Ecco quali graduatorie saranno utilizzate. 

La procedura di attribuzione dei ruoli sarà digitalizzata. Su iStanze online è già presente il form per la presentazione della domanda. Ciascuno degli aspiranti dovrà seguire le istruzioni del relativo Ufficio Scolastico per la scelta della o delle province per l’assunzione.

  • prospetti contenenti il contingente ripartito a livello regionale CONTINGENTE
  • prospetti elaborati a livello provinciale, classe di concorso/tipo posto riportanti disponibilità ed esuberi al termine delle operazioni di mobilità Allegato B
  • le tabelle contenenti i posti relativi alle procedure concorsuali recentemente avviate che dovranno essere accantonate per l’a.s. 2020/21 nell’ambito della procedura assunzionale per chiamata (allegati Callegato D ed allegato E).
  • Totale nomine per regione
  • Il decreto

Ecco come si compila la domanda

Gli avvisi degli uffici Scolastici

Le graduatorie utilizzate

Elenco Gae aggiornate per il 2020/21

Fasce aggiuntive al concorso 2018 

Graduatorie concorsi 2016 e 2018  quanti candidati ancora presentiCandidati con titolo rumeno riammessi con riserva in graduatoria

Istruzioni operative (allegato A)

le istruzioni operative finalizzate alle nomine in ruolo ALLEGATO A

Sintesi Allegato A

ACCETTO O RINUNCIO?

Immissioni in ruolo, diplomati magistrale anche se assunti in ruolo con riserva cancellati dalle altre graduatorie tranne concorso ordinario. Nota ufficiale [PDF

Si può accettare una nomina e lasciare per una successiva proposta

Rinuncio al ruolo da gae: posso avere una supplenza da GPS?

docenti già di ruolo da concorso straordinario 2018 infanzia primaria possono avere nuova nomina da concorso 2016

Accetto la proposta: quando avverrà cancellazione dalle graduatorie

Accetto o rinuncio da GaE: tutte le FAQ Anief

Accettazione, rinunce, vincoli. SCHEDA UIL

Le compensazioni tra graduatorie e classi di concorso

Immissioni in ruolo docenti 2020/21: in mancanza di aspiranti, posti destinati ad altre graduatorie. I criteri

La tempistica delle immissioni in ruolo docenti 2020

Le istruzioni operative forniscono indicazioni anche in relazione alla tempistica connessa agli adempimenti propedeutici all’avvio della procedura assunzionale per chiamata regolamentata dal Decreto Ministeriale 8 giugno 2020, n. 25.

Immissioni in ruolo: fase ordinaria dovrà essere  completata entro il 26 agosto. Gli Uffici Scolastici provvederanno alla registrazione delle informazioni conseguenti alle avvenute immissioni in ruolo o rinunce degli aspiranti al sistema informativo al fine di precostituire la base dati per le successive operazioni di nomina.

Gli uffici scolastici pubblicheranno,  entro il  27 agosto, i posti rimasti vacanti e disponibili sui rispettivi siti internet istituzionali

La chiamata veloce si realizzerà tramite la presentazione della domanda da parte degli interessati nel periodo compreso tra il 28 agosto ed il 1 settembre 22020, per completare ogni operazione di immissione in ruolo entro il 7 settembre p.v.

N.B. Gli uffici scolastici provvederanno a “lavorare” sul contingente come indicato nell’allegato A delle istruzioni

Esiti scelta provincia su sito USR. I docenti riceveranno anche una mail. Seguirà scelta della scuola

Dal 2020/21 le immissioni in ruolo si svolgeranno in due parti:

  • immissioni in ruolo ordinarie (50% GaE e 50% concorsi, inclusa fascia aggiuntiva)
  • procedura straordinaria per coprire eventuali posti residui con “chiamata veloce”

Il concorso 2016: fino a quando saranno valide le graduatorie di merito; dal 2020/21 aumentano le possibilità di assunzione tramite fasce aggiuntive e call veloce. Leggi tutto

Le graduatorie dei concorsi 2018 (DDG n. 85/2018 per la secondaria e DDG n. 1546 del 7 novembre 2018 per infanzia e primaria) sono ad esaurimento.

Il 50% dei posti riservati alle graduatorie concorsuali di merito spetterà ai vincitori e idonei del concorso 2016.

Esauriti tali elenchi, si passa alle graduatorie del concorso 2018.

La novità: per la secondaria non ci si fermerà all’80%  e per infanzia e primaria al 25% del contingente assegnato ma si scorrerà ad esaurimento dei posti. Leggi Immissioni in ruolo docenti 2020, per il concorso 2018 secondaria si va oltre il limite dell’80% [NOVITA’]

Accantonamento posti per i concorsi (accantonamento virtuale, gli 84.808 posti potranno comunque essere assegnati tutti)

La legge stabilisce che nel caso in cui risultino avviate, ma non concluse, procedure concorsuali, i posti messi a concorso sono in parte accantonati e resi indisponibili per immissioni in ruolo.

Accantonamento posti 2020/21 concorso ordinario secondariaAccantonamento 2020/21 concorso infanzia e primaria

La fascia aggiuntiva al concorso 2018

Dal 2020/21 alla graduatoria del 2018 si aggiunge la fascia aggiuntiva, formata da docenti delle graduatorie del 2016.

Le assunzioni dalla fascia aggiuntiva fanno parte della fase ordinaria delle immissioni in ruolo, da concludersi entro il 26 agosto.

Posti accantonati per il concorso straordinario per il ruolo (docenti con tre anni di servizio)

Prima di procedere alla fase straordinaria della “chiamata veloce” per attribuire i posti rimasti vacanti, gli uffici Scolastici accantoneranno i posti messi a concorso per l’anno scolastico 2020/21 per il concorso straordinario per il ruolo.

Si tratta di circa 22.000 posti (quindi un numero significativo), già distribuiti per regione e classe di concorso.

La call veloce

Il decreto

In cosa consiste la chiamata veloce e perché è definita NON ordinaria?

Ogni anno, quando vengono completate le operazioni annuali di immissione in ruolo, sono presenti molti posti vacanti; questi ultimi fino ad oggi sono stati riempiti da docenti con contratto a tempo determinato fino al 30 giugno o al 31 agosto.

La nuova procedura di assunzione pone l’obiettivo di ridurre il fenomeno della “supplentite” che in moltissimi casi prevedeva l’arrivo dei professori ad inizio anno scolastico abbondantemente inoltrato.

Con la chiamata veloce, i docenti inseriti nelle graduatorie di merito concorsuali avranno l’opportunità di optare per una o più province di un’altra regione, andando ad occupare (volontariamente) tutti quei posti che rimangono vacanti e disponibili dopo le operazioni di assunzione a tempo indeterminato disposte ai sensi della normativa vigente. In tal senso è una procedura non ordinaria.

Chi può accedere alla chiamata veloce?

Alla chiamata veloce potranno partecipare coloro che sono inseriti nelle graduatorie di concorso vigenti e nelle graduatorie ad esaurimento.

Qualche esempio di call veloce?

Chi è nella graduatoria del concorso in Lazio, ma non riesce ad ottenere l’assunzione per carenza di posti, potrà decidere se lo vuole, di aderire alla chiamata veloce per ottenere una cattedra rimasta scoperta in una o più province di un’altra regione”. (Ministro L. Azzolina)

I docenti inclusi nelle graduatorie di merito valide per le immissioni in ruolo potranno inoltrare la domanda per una sola regione diversa da quella in cui sono inseriti e indicarne la provincia o le province di destinazione, esplicitando anche l’ordine di preferenza tra le diverse province.

I docenti inseriti nelle GAE, in alternativa alla domanda per un’altra regione (e le eventuali opzioni riferite alle province da individuare), potranno presentare richiesta per altre province della stessa regione in cui sono già disposti.

Come si effettua la domanda?

Esclusivamente per via telematica, in attesa di istruzioni operative del M.I.

Gli uffici scolastici pubblicheranno apposite informazioni dopo il 26 agosto.

CALL VELOCE DAL 28 AGOSTO AL 1° SETTEMBRE

Immissioni in ruolo con call veloce: cosa succede se si accetta o rifiuta proposta? Vincolo 5 anni [SCHEDA UIL]

Diplomati magistrale e docenti con riserva nelle graduatorie

Continueranno ad essere assunti, con clausola risolutiva all’esito del contenzioso Leggi tutto

Dal 1° settembre 2020 vincolo quinquennale

A chi si applica il blocco

  • Dal 1° settembre 2020 il blocco almeno quinquennale nella scuola di titolarità (cioè quella in cui si viene assunti) interessa tutte le graduatorie: GaE, concorso 2016, concorso 2018 sia infanzia primaria che secondaria.
  • Il blocco riguarderà non solo la domanda di trasferimento. Durante i 5 anni non sarà possibile richiedere neanche l’assegnazione provvisoria o l’utilizzazione, o di svolgere supplenza ai sensi dell’art. 36 del CCNL

Dopo i 5 anni di effettivo servizio nella scuola di titolarità il docente potrà presentare domanda di trasferimento o assegnazione. Otterrà il trasferimento quando il posto richiesto sarà vacante e disponibile per i trasferimenti.

Alcune deroghe

Il vincolo almeno non quinquennale non riguarderà esclusivamente le seguenti categorie di personale

  1. personale docente in esubero o soprannumero. Si tratta di situazioni sopravvenute, per via della contrazione degli organici, che non è possibile definire a priori. Se dichiarato sovrannumerario il docente potrà presentare domanda di mobilità (a quali condizioni non è stato ancora chiarito)
  2. personale di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge 5 febbraio 1992, n. 104

In ogni caso tali situazioni riferite alla legge 104 devono essere intervenute successivamente alla data di iscrizione dei concorsi o dell’aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento.

I posti vacanti, disponibili per le immissioni in ruolo 2020/21 (dopo la mobilità). I file non tengono conto delle modifiche intervenute nel frattempo alla mobilità.

Personale educativo

91 posti – distribuzione per provincia