Immissioni in ruolo 2019, perché i posti non sempre sono suddivisi al 50%

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Immissioni in ruolo personale docente a.s. 2019/20: le operazioni hanno avuto inizio ma le procedure sono complesse e spesso sfugge la visione completa. 

Alcuni docenti hanno contattato la redazione lamentando che gli Uffici Scolastici non rispettano il criterio di suddivisione dei posti “50% alle GaE e 50% alle graduatorie di merito dei concorsi”.

In realtà, a partire da quel principio, bisogna guardare alla serie storica delle assunzioni, comprendendo cosa è accaduto negli anni precedenti, e in particolare lo scorso anno.

Immissioni in ruolo: le compensazioni

Le istruzioni operative (allegato A) pubblicate dal Miur in questo caso forniscono una precisa indicazione:

“Nel caso in cui nell’anno scolastico 2018/19, non si sia provveduto ad effettuare le nomine in ruolo dalle graduatorie di merito in quanto non ancora vigente la relativa graduatoria e, di conseguenza, i relativi posti siano stati conferiti ai docenti iscritti nelle Graduatorie ad esaurimento, si dovrà provvedere alla restituzione di tali posti alle nomine in ruolo per le procedure concorsuali. Ove il numero dei posti disponibili risulti
dispari, l’unità eccedente viene assegnata alla graduatoria penalizzata nella precedente tornata di nomine e qualora non vi siano state penalizzazioni alle graduatorie delle procedure concorsuali.

Il novellato Dlgs.vo n. 59/2017, all’articolo 17, comma 1 ed il D.L. n. 87/2018
convertito nella legge n. 96/2018, all’articolo 4, comma 1-ter, hanno previsto che in caso di esaurimento delle graduatorie di cui all’art. 1, comma 605, lettera c) della Legge n. 296/2006 i posti rimasti vacanti si aggiungano a quelli disponibili per le procedure concorsuali”

Questo è quanto accaduto ad es. lo scorso anno per infanzia e primaria in alcune regioni del nord. Esaurita la graduatoria del concorso 2016 i posti assegnati sono stati dati alle GaE,  mentre quest’anno vanno recuperati per assegnarli alla graduatoria del concorso straordinario 1456/2018.

Lo stesso per la secondaria. Il ritardo della pubblicazione delle graduatorie del concorso DDG n. 85/2018 ha determinato un numero di ruolo superiori per le GaE nel 2018, con conseguente recupero per l’a.s. 2018/19.

Si tratta di una compensazione per realizzare il principio del 50% alle due procedure di reclutamento.

Immissioni in ruolo 2019/20, le nostre Faq: dalle graduatorie di assunzione alle nomine su sostegno

Versione stampabile
anief banner
soloformazione