Immissioni in ruolo 2019, per Pittoni (Lega) ancora possibili sui posti di Quota 100

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Decreto scuola, Pittoni (Lega): posti quota 100 siano accantonati per chi ha diritto. Sarà presentato emendamento. 

“Va accantonato un numero di posti pari a quelli resi vacanti e disponibili da Quota 100, per attribuirlo con decorrenza giuridica 2019/20 e decorrenza economica 2020/21 al personale docente e amministrativo che aveva titolo alla nomina in ruolo già in relazione all’anno scolastico 2019/20”. Lo chiede il senatore Mario Pittoni, presidente della commissione Cultura a palazzo Madama e responsabile Istruzione della Lega, in un emendamento predisposto per il decreto Scuola in discussione alla Camera.

“Per far fronte – spiega Pittoni – alla giusta protesta dei precari che da anni attendono la nomina in ruolo e che quest’anno non l’hanno ottenuta per una chiara disfunzione organizzativa, è opportuno prevedere l’accantonamento, in termini numerici, dei posti già vacanti e disponibili quest’anno, in modo da assicurare a coloro che avevano diritto alla nomina in ruolo nel 2019 l’attribuzione dello stesso numero di posti nel corso delle operazioni del 2020. Senza tale provvedimento, troppi vedrebbero vanificate le legittime aspirazioni di nomina poiché i posti del 2019, se non accantonati, verrebbero in gran parte assorbiti dalla mobilità 2020, specie nelle provincie/regioni dove, a causa del decremento delle nascite – conclude Pittoni -, più forte è il rischio di contrazione degli organici”.

EMENDAMENTO

Articolo 1 quater

Allo scopo di assicurare la copertura dei posti rimasti vacanti e disponibili a seguito della cessazione dal servizio del personale docente e amministrativo, tecnico e ausiliario collocato a riposo in applicazione della riforma della “quota 100”, nonché allo scopo di corrispondere alle legittime attese di coloro che sono inclusi a pieno titolo nelle graduatorie valide per la stipula di contratti a tempo indeterminato, è accantonato, distinto per tipologia, per classe di concorso e per provincia, un numero di posti pari a quelli rimasti vacanti e disponibili successivamente alla chiusura delle procedure di formalizzazione dell’organico, di attuazione della mobilità territoriale e professionale e di immissione in ruolo del personale docente in riferimento all’anno scolastico 2019-2020. Il suddetto numero di posti accantonati sarà sottratto a tutte le operazioni di mobilità e di nomina in ruolo relative all’anno scolastico 2020-2021 e sarà attribuito con decorrenza giuridica 2019/20 e decorrenza economica 2020/21 a coloro che avevano titolo alla nomina in ruolo già in relazione all’anno scolastico 2019/20.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione