Immissioni in ruolo 2019/20, graduatorie di assunzione e numero docenti presenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il prossimo anno scolastico le immissioni in ruolo avverranno, per tutti i gradi di istruzione, per il 50% da GaE e per il 50% dalle graduatorie di merito dei concorsi.

Vediamo in questa scheda quali graduatorie di merito potranno essere utilizzate e la consistenza di GaE e GM.

Immissioni in ruolo scuola infanzia e primaria

Sulla base di quanto indicato dalla legge n. 96/2018, nei prossimi anni, le immissioni in ruolo avverranno:

  • il 50% dalle graduatorie ad esaurimento;
  • il 50% dalle graduatorie concorsuali.

Il 50% dei posti, destinato ai concorsi, sarà assegnato alle seguenti procedure:

  1.  con priorità al concorso 2016;
  2.  qualora residuino posti, al concorso straordinario e al nuovo concorso ordinario con quote del 50% ciascuno.

Considerato che il concorso ordinario non è stato ancora bandito e che le GM del concorso straordinario dovrebbe essere pubblicate (il condizionale è d’obbligo, considerata la lentezza di tutte le procedure concorsuali) entro il 30 luglio 2019, le immissioni in ruolo 2019/20 dovrebbero avvenire da:

  • 50% da GaE;
  • 50% da concorso:

– con priorità dalle GM 2016

–  se rimangono posti disponibili, dalle graduatorie del concorso straordinario, fermo restando che le  graduatorie vengano pubblicate in tempo utile.

Immissioni in ruolo scuola secondaria

Le immissioni in ruolo per la scuola secondaria avverranno:

  • il 50% da GaE (in molte regioni ormai esaurite);
  • il 50% da concorso:

– GM 2016

– GM 2018 in subordine.

Immissioni in ruolo: consistenza GaE e GM

Docenti presenti in GaE scuola dell’infanzia, primaria e secondaria (dati Cisl):

Docenti presenti nelle GM 2016 scuola dell’infanzia, primaria e secondaria (dati Cisl):

Nelle GM 2018, infine, riservate ai soli abilitati della scuola secondaria sono ancora presenti 7.386.

Immissioni in ruolo: posti  vacanti

Nel corrente scolastico non sono stati assegnati 32.217 posti per mancanza di aspiranti nelle GaE e nelle GM, esaurite soprattutto al Nord Italia.

Ai succitati posti vanno aggiunti quelli derivanti dai pensionamenti, limitatamente alle domande presentate entro il 12 dicembre 2018, in quanto i posti che si libereranno con quota 100 non potranno essere utilizzati per la mobilità e le assunzioni (a meno che non si intervenga), in quanto l’accertamento del diritto avverrà dopo la comunicazione dei posti disponibili in SIDI.

Le domande di pensione, presentate entro il 12 dicembre 2018, sono 15.190. Attendiamo, comunque, l’accertamento dell’Inps per avere dei numeri certi.

Sicuramente i posti da coprire saranno numerosi e probabilmente non potranno essere coperti tutti, in quanto la presenza dei docenti nelle varie graduatorie non è omogenea ma differenziata nei vari territori, con graduatorie esaurite soprattutto a Nord.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione