Diplomati magistrale: potranno essere assunti da GaE, ma saranno licenziati dopo sentenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nell’incontro Miur-sindacati sulle immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2018/19, svoltosi a luglio, si è parlato anche dei diplomati magistrale in GaE con riserva che si trovano in posizione utile per l’assunzione a tempo indeterminato.

Indicazioni Diplomati magistrale

I diplomati magistrale in GaE con riserva, qualora in posizione utile, possono essere destinatari di contratto a tempo indeterminato.

Il contratto, però, deve prevedere la clausola risolutiva, che va applicata nel momento in cui si dà esecuzione alla sentenza di merito.

Nulla di nuovo rispetto alle istruzioni dello scorso anno scolastico.

Decreto dignità

Le istruzioni succitate, lette insieme alle disposizioni contenute nel decreto dignità, posto che venga approvato senza modifiche (parliamo dell’articolo 4), assicurano comunque l’anno di servizio ai diplomati magistrale interessati.

Il decreto, infatti, oltre a disporre che le sentenze andranno applicate entro 120 giorni dalla notifica, al fine di assicurare la continuità didattica agli studenti per l’a.s. 2018/19, prevede che:

  • i contratti a tempo indeterminato, nel momento in cui si deve applicare la sentenza, sono trasformati in supplenze al 30/06/2019;
  • i contratti di supplenza annuale, nel momento in cui si deve applicare la sentenza, sono trasformati in supplenze al 30/06/2019.

Immissioni in ruolo, quanti posti per classe di concorso e provincia. Ufficiale

Il nostro speciale sulle immissioni in ruolo a.s. 2018/19

Versione stampabile
anief
soloformazione