Immissioni 2013/14: a Treviso e Verona ruoli revocati per servizi non validi

di Lalla

red – E’  accaduto a Treviso e Verona. I casi  vengono presentati per chiarire in maniera definitiva che i servizi svolti nei progetti P.O.N. non possono essere valutati nelle Graduatorie ad esaurimento e che i punteggi dichiarati verranno controllati.  

red – E’  accaduto a Treviso e Verona. I casi  vengono presentati per chiarire in maniera definitiva che i servizi svolti nei progetti P.O.N. non possono essere valutati nelle Graduatorie ad esaurimento e che i punteggi dichiarati verranno controllati.  

Nel caso di Treviso la docente aveva infatti dichiarato nell’aggiornamento delle graduatorie del 2011 un servizio prestato negli AA. SS. 2009/10 e 2010/11 presso Scuole statali della regione Calabria in qualità di Esperto Esterno per la realizzazione di progetti P.O.N. (Programmi Operativi Nazionali).

Il D.M. 44/2011 in particolare, l’Allegato 2 – Tabella di valutazione dei titoli della Terza Fascia delle Graduatorie ad Esaurimento per il personale docente, non prevede in alcuna parte che il servizio avente la sopra descritta tipologia sia valutabile laddove il progetto valutabile è rappresentato da quelli previsti dall’art. 1, comma 3 della Legge 167/2009 di cui all’Allegato 7 del predetto D.M., che comportano accordi sottoscritti tra l’Amministrazione Scolastica (Uffici Scolastici Regionali) e le Regioni che ne finanziano la promozione e lo svolgimento;

Seguici su Facebook, news in tempo reale

Pertanto i progetti a cui ha partecipato la docente non rientrando in quelli espressamente previsti dalla Legge 167 del 24/11/2009 non sono suscettibili di alcuna valutazione e di punteggio; per cui non spettano i 20 punti attribuiti a seguito della dichiarazione di parte.

Alla docente è stato revocata la proposta di contratto a tempo indeterminato per l’a.s. 2013/14 ma è stata attribuita la supplenza fino al 30 giugno, poichè con la decurtazione del punteggio si è trovata comunque in posizione utile per l’incarico a tempo determinato.

Il caso di Verona è ancora più singolare, perchè la docente ha dichiarato 187 giorni di servizio, a fronte di soli 17 effettivamente svolti. Il decreto.

Abbiamo voluto indicare questi esempi per ricordare che all’atto dell’immissione in ruolo gli Uffici Scolastici territorali attivano tutte le necessarie operazioni relative al controllo della regolarità dell’attuale punteggio di graduatoria nel rispetto di quanto previsto dall’art. 15 della legge n. 183/2011, in materia di autocertificazioni.

Inutile ricordare che i controlli sui punteggi andrebbero effettuati con regolarità anche per i docenti inseriti nelle Graduatorie ad esaurimento. Per il triennio 2014/17 il Ministero ha infatti messo a punto un sistema che dovrebbe garantire maggiore sicurezza.

Graduatorie ad esaurimento: i controlli per chi cambia provincia. Vai alla pagina

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione