Contratto di Governo Lega – M5S: nuovo piano assunzioni, ma limitare trasferimenti Sud-Nord

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nella giornata di ieri, abbiamo riferito sul contratto di Governo tra Lega e M5S, che dedica un apposito paragrafo alla Scuola, oltre a parlarne in altri punti.

Tra le varie misure relative alla scuola, il reclutamento dei docenti precari.

Reclutamento docenti

Così leggiamo nel contratto:

Una delle componenti essenziali per il corretto funzionamento del sistema di istruzione è rappresentata dal personale scolastico. L’eccessiva precarizzazione e la continua frustrazione delle aspettative dei nostri insegnanti, rappresentano punti fondamentali da affrontare per un reale rilancio della nostra scuola. Sarà necessario assicurare, pertanto, anche attraverso una fase transitoria, una revisione del sistema di reclutamento dei docenti, per garantire da un lato il superamento delle criticità che in questi anni hanno condotto ad un cronico precariato, dall’altro un efficace sistema di formazione. Saranno introdotti nuovi strumenti che tengano conto del legame dei docenti con il loro territorio affrontando all’origine il problema dei trasferimenti (ormai a livelli record) che non consentono un’adeguata continuità didattica.

L’obiettivo, dunque, è superare il precariato e, allo stesso tempo, definire un nuovo sistema di formazione e reclutamento.

Fase transitoria

Per i docenti precari si prospetta una nuova fase transitoria. Parliamo di nuova fase, in quanto è attualmente in atto quella prevista dal decreto legislativo n. 59/2017.

Non sappiamo se la suddetta fase ricalchi quella attualmente in atto: concorso riservato ai docenti abilitati; concorso  riservato ai docenti non abilitati  con 3 anni di servizio.

Nuovo sistema di formazione e sistema reclutamento

Nella previsione del nascente Governo troviamo anche la definizione di un nuovo sistema di formazione che dovrà essere efficace. Non sono esplicitate le misure per renderlo tale.

Quanto al reclutamento, si afferma di voler tenere in considerazione il legame dei docenti con il loro territorio. Ci si dovrebbe riferire ai concorsi regionalizzati, cavallo di battaglia della Lega:

” Saranno introdotti nuovi strumenti che tengano conto del legame dei docenti con il loro territorio affrontando all’origine il problema dei trasferimenti (ormai a livelli record) che non consentono un’adeguata continuità didattica.legame dei docenti con il loro territorio”

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione