Il verbale negli organi collegiali: può essere firmato in giorni diversi? Può essere prodotto in un momento successivo alla delibera? Una sentenza

Stampa

In un ricorso avente per oggetto l’annullamento degli atti che determinavano l’esclusione del ricorrente dalla graduatoria di merito del concorso indetto con d.d. n. 510 del 2020 si contestavano diverse questioni tra cui la non contestualità della firma del verbale da parte della commissione nel senso che alcuni componenti avrebbero firmato il verbale un giorno e altri componenti il giorno successivo. Si pronuncia il TAR del Lazio con la Sentenza N. 09799/2021 REG.PROV.COLL. Del 14 settembre 2021 con la quale affronta alcuni punti interessanti in materia di verbalizzazione degli atti da parte degli organi collegiali.

La non veridicità del verbale si può contestare con la querela di falso
Affermano i giudici che eventuali contestazioni sulla veridicità di quanto affermato con il verbale andrebbero contestate mediante lo strumento della querela di falso.

La forma scritta delle decisioni degli organi collegiali non è determinante per la validità delle decisioni

Nello specifico degli atti degli organi collegiali, di norma la forma scritta non qualifica le decisioni adottate dagli stessi potendosi le stesse manifestare mediante forme anche diverse dallo scritto, come per le votazioni e …

Questo ed altri contenuti su Orizzonte Scuola PLUS, riservato agli abbonati.

I contenuti della rivista: La Dirigenza scolastica. Rivista operativa per Dirigenti Scolastici, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff

Scopri le opzioni di abbonamento

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur