Il Tar di Bari respinge ricorso contro l’ordinanza di Emiliano

Stampa

No alla sospensione dell’ordinanza del governatore Michele Emiliano sulla didattica digitale nelle scuole. Lo ha stabilito il Tar di Bari respingendo la richiesta di misure monocratiche presentata dal Codacons di Lecce.

“Non sussistono i presupposti della misura cautelare interinale, in particolare non sussiste un danno grave e irreparabile da prevenire o a cui porre rimedio in via di urgenza con la misura stessa, anche in considerazione del breve periodo di vigenza”.

Il Tar ha ritenuto che l’opzione prevista in ordinanza “sia sufficiente a garantire per i minori di 14 anni la didattica in presenza alle famiglie che lo richiedano per i propri figli, mentre per gli adolescenti di età superiore ai 14 anni la didattica a distanza e quella integrata parrebbero, prima facie, più agevolmente praticabili, data la maggiore dimestichezza di quegli adolescenti con i mezzi telematici e la migliore organizzazione delle scuole superiori nel somministrare lezioni on line (o, quantomeno, si può ritenere che i ricorrenti non abbiano fornito adeguata prova di uno scenario fattuale diverso e più allarmante del servizio scolastico)”. Il quadro normativo nazionale consente alla Regioni di adottare provvedimenti restrittivi e “non può ritenersi decaduta per il sopravvenire dei provvedimenti statali”.

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!