Il supplente del collaboratore scolastico in quarantena va nominato “solo se effettivamente necessario”

Stampa

Personale docente e ATA in quarantena con sorveglianza attiva o in isolamento domiciliare fiduciario. Il Ministero ha emanato la nota n. 1934 del 26 ottobre passando in rassegna i vari casi che si possono presentare nelle scuole in questi giorni e nei prossimi mesi. Ricordiamo che al momento lo stato di emergenza è promulgato fino al 31 gennaio 2021. 

Una sezione specifica è dedicata al personale ATA. 

Nella nota si legge

“Per il personale afferente alle qualifiche di cuoco, guardarobiere, infermiere, collaboratore scolastico e collaboratore scolastico addetto all’azienda agraria, in ragione della specificità delle relative mansioni, che si espletano esclusivamente in presenza a scuola, si deve ritenere che, in caso di quarantena disposta dalla competente autorità sanitaria, la prestazione lavorativa non possa essere resa in modalità agile e pertanto, solo ove strettamente ed effettivamente necessario a garantire l’ordinaria attività scolastica, i dirigenti scolastici applicano la normativa vigente in materia di sostituzione del personale assente”.

Quindi, come ampiamente prevedibile, non è possibile il ricorso al lavoro agile per il collaboratore scolastico. Il collaboratore scolastico rimane in quarantena e la scuola dispone la nomina di un supplente solo se “se effettivamente necessario”.

Tutti abbiamo davanti agli occhi il lavoro svolto giornalmente dai collaboratori scolastici. Qualcuno potrebbe affermare che il loro lavoro non sia strettamente ed effettivamente necessario, quando la scuola funziona al 100% delle attività?

Docente in quarantena e classe in presenza

La nota specifica una evidenza, ma è meglio rimarcare

“In nessun caso si potrà disporre la vigilanza della classe interamente in presenza, nel corso di attività didattiche erogate dal docente in quarantena, servendosi del personale collaboratore scolastico o di personale esterno, operante per l’assistenza specialistica per l’autonomia e la comunicazione, o a vario titolo presente a scuola.”

Scarica la nota con tutte le informazioni complete

Covid, quarantena ed emergenza: nasce una nuova figura di docente, il “vigilante”?

Docenti di sostegno a casa per quarantena o isolamento: continuano ad insegnare, ecco come

Didattica a distanza: i docenti possono  lavorare da casa o devono recarsi a scuola?

Stampa

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole