Il sogno del ruolo è svanito anche quest’anno e mi ritrovo a non essere convocata dalle note GPS. Lettera

Stampa
ex

Inviata da Chiara Bennici – Gentilissima ministra e collega Azzolina, posso solo immaginare gli impegni a cui deve far fronte in queste convulse giornate settembrine, quindi non mi aspetto una sua risposta (figuriamoci!), ma io mi ritrovo a non aver nulla da fare, quindi ho deciso di dedicare una parte del mio tempo a scrivere queste poche righe rivolte a lei.

Vorrei subito precisare che il mio intento non è affatto quello di rivolgerle delle critiche, anzi ammiro la tenacia e la fierezza con cui ha affrontato la situazione critica in cui si è trovata ad operare (certo, qualche sua decisione andrebbe rivista, e sicuramente a freddo lo capirà anche lei); né io né i miei colleghi, che tanto si dimenano, avrebbero trovato facilmente la panacea ai tanti mali che affliggono il sistema scolastico.

Quindi no, i miei non voglio essere attacchi, voglio solo rendere una testimonianza e raccontarle la mia storia.

Ho studiato tanto e con passione e a poco a poco si è insinuato in me il desiderio di istillare la stessa passione alle future leve del paese (per usare termini che ai politici piacciono tanto); dopo aver conseguito la laurea mi si è aperta, da lì a poco, la possibilità di eseguire il test di accesso al TFA. Occasione che ho colto al volo; quindi ho abbandonato i piccoli lavori che mi consentivano di sopravvivere in una grande città e con grande sacrificio e dispendio di energie, di tempo e, ovviamente, come può ben intuire, economico, ho affrontato il test e l’anno di tirocinio formativo attivo (non le nego che avrei da sottoporle delle criticità in merito, ma questa è un’altra storia). Per mia grandissima fortuna sono riuscita ad entrare presto nel mondo lavorativo; ero giovane e inesperta ma le classi e i colleghi che ho conosciuto mi hanno subito abbracciato, mi hanno indirizzato, mi hanno consigliato, in poche parole mi hanno fatto innamorare del mio lavoro. Certo, lavoravo per sole 4 ore settimanali, erano ore insufficienti al mio mantenimento. E quindi raggiungiamo il nord (sì, sono una delle tante terrone che disperatamente lasciano la loro terra, la loro famiglia, il mare e il sole, per tentare di trovare una sistemazione nel freddo e inospitale Nord).

Ah dimenticavo, nel frattempo ho partecipato e superato il concorso 2016 e il concorso 2018 e, visto che non si smette mai di imparare, ho conseguito una quantità di corsi, master, certificazioni tutte relative al mondo della scuola (attenzione: le consiglio di dare un’occhiata anche a questi sistemi di “recupero punti” in graduatoria; va bene trasformarsi nelle galline delle uova d’oro da cui si spilla denaro, ma va bene fino ad un certo punto).

E quindi, sì, arrivo al Nord, la situazione lavorativa migliora, riesco a lavorare per più ore settimanali, benché spesso in più istituti della provincia, e soprattutto il grado di innamoramento aumenta a dismisura. Ho amato quelle giovani leve di cui sopra, ho amato la loro curiosità, ho amato i nostri scontri, ho amato gli sforzi che quotidianamente dovevo impormi per trovare il giusto canale e la giusta strategia da adottare, ho amato un po’ meno l’infinita burocrazia (ma fa parte del gioco e quindi era ben accetta).
Bene, taglio corto, dopo che il sogno del ruolo (o posto fisso, per dirla alla Checco Zalone) è svanito anche quest’anno, mi ritrovo, con somma delusione a non essere convocata dalle tristemente note GPS (le ricordo che sono abilitata e vincitrice di due concorsi pubblici) e in attesa, non so bene di cosa.

Si chiederà quale sia lo scopo di questa missiva; non lo so neanche io, forse solo un minuscolo sfogo e sì, ci sarebbe anche una piccola richiesta!
La prego, è una ministra, contenga la sua commozione in conferenza stampa! Capisco che è donna anche lei, ma quello mi ferisce, perché ho versato lacrime di gioia e di gratitudine rivolte ai miei alunni nel corso dell’anno scorso, in pieno lockdown, e ora verso lacrime di tristezza e rabbia per questa situazione.

Grazie

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!