Il sociologo Ricolfi: “Sanzioni ai docenti che attestano il falso sulle competenze degli alunni”

WhatsApp
Telegram

Luca Ricolfi e Paola Mastrocola hanno scritto un saggio dal titolo “Il danno scolastico” che denuncia lo scadimento della scuola pubblica.

A Il Giornale, il sociologo si scaglia contro la scuola “progressista”: “La scuola senza qualità è un regalo ai ricchi. E la dispersione scolastica, su cui da decenni ci si straccia le vesti, è anche un effetto non voluto dell’abbassamento”.

Poi aggiunge: “Direi che lo spartiacque è negli anni ’70: chi è nato dopo non ha più usufruito di un’istruzione decente, semplicemente perché la maggior parte di coloro che avrebbero potuto impartirgliela era uscito di scena, e la maggior parte dei nuovi docenti avevano un livello di preparazione decisamente meno soddisfacente. Naturalmente non mancano le eccezioni (pessimi docenti di ieri, ottimi docenti di oggi), ma il trend è quello che è: chiaro e inesorabile”.

Ricolfi lancia una provocazione: “Così come si parla di responsabilità civile dei giudici, si dovrebbe introdurre il principio di responsabilità certificativa (si può dire così?) del docente: se attesti che un allievo possiede certe conoscenze e competenze, ma lui ne risulta evidentemente sprovvisto, tu docente ne rispondi, come un perito che è responsabile della perizia che firma. Basterebbe questo a frenare lo scandalo più grave della scuola e dell’università, ossia il rilascio di certificati che attestano il falso”.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti