Il sindacato ANIEF risponde allo sciopero della fame dei tre precari di Palermo, lanciando una campagna per la stabilizzazione del personale precario

di Lalla
ipsef

ANIEF – Di fronte alla disperazione che spinge i tre colleghi precari di Palermo, con dignità e a rischio della propria salute, a continuare lo sciopero della fame, il sindacato ANIEF non soltanto da giorni esprime la sua solidarietà in via Praga (sede dell’ex provveditorato di Palermo) nei fatti, schierandosi al loro fianco, ma ha lanciato una campagna nazionale contro la precarietà nella scuola per ottenere la stabilizzazione del personale a tempo determinato con la diffusione di 50.000 volantini che riassumono i diritti dei precari.

ANIEF – Di fronte alla disperazione che spinge i tre colleghi precari di Palermo, con dignità e a rischio della propria salute, a continuare lo sciopero della fame, il sindacato ANIEF non soltanto da giorni esprime la sua solidarietà in via Praga (sede dell’ex provveditorato di Palermo) nei fatti, schierandosi al loro fianco, ma ha lanciato una campagna nazionale contro la precarietà nella scuola per ottenere la stabilizzazione del personale a tempo determinato con la diffusione di 50.000 volantini che riassumono i diritti dei precari.

200.000 docenti e ata – dichiara il presidente nazionale, Marcello Pacifico, oggi, davanti alla telecamera del TGR 3 regionale Sicilia – ogni anno con dedizione e professionalità sono chiamati, in qualità di supplenti dallo Stato, a lavorare nella scuola e a percepire anche dopo 20 anni di precariato lo stesso stipendio iniziale, spesso con un contratto di 10 mesi invece che si 12 mesi; eppure sono sempre lì ad assicurare la continuità didattica e il servizio scolastico alle nostre famiglie, a dispetto del legittimo diritto ad un’immissione in ruolo, come previsto dalla legislazione comunitaria e nazionale. Soltanto nella scuola italiana, infatti, si assiste ogni anno a questo mortificante balletto delle supplenze, ora pure ridotte dai 100.000 tagli della riforma Gelmini.

E’ arrivato il momento che il Governo nazionale e regionale ponga fine a questo abuso che nel privato e negli altri settori della pubblica amministrazione non è consentito. Siamo pronti a rivendicare il diritto, in tutta Italia, alla stabilizzazione del personale precario perché soltanto così si assicura il diritto delle famiglie all’assegnazione per i propri figli di personale meritevole e il diritto dei lavoratori a una seria programmazione della propria vita familiare.

Chiediamo al presidente Napolitano di intervenire anche in favore della Scuola oltre che per la FIAT. Il sindacato si rivolgerà, certamente, ai tribunali del lavoro per ottenere giustizia, dopo aver attivato le opportune conciliazioni per porre fine alla precarietà nella scuola e per evitare che in futuro si ripetano gesti così eclatanti di protesta contro una politica che svaluta l’istruzione e la conoscenza come elemento essenziale per lo sviluppo della nostra società, della nostra economia e della nostra identità.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione