Il segretario generale del SISA ha iniziato lo sciopero della fame

di Lalla
ipsef

SISA – Il segretario generale del SISA Davide Rossi, dal pomeriggio di domenica 3 luglio 2011 ha iniziato lo sciopero della fame.

SISA – Il segretario generale del SISA Davide Rossi, dal pomeriggio di domenica 3 luglio 2011 ha iniziato lo sciopero della fame.

La protesta nasce dal silenzio in cui, ad esclusione delle meritorie “La Tecnica della Scuola” e “Orizzonte Scuola”, nonché della pagina milanese del “Corriere della Sera” con una fotonotizia in data 2.7.11, l’informazione quotidiana e televisiva, locale e nazionale, ha relegato il movimento degli Indignati di Milano, Italian Revolution, che dal 1° luglio ’11 occupa, pacificamente e in forma non violenta, con dibattiti e assemblee orizzontali e partecipate, fondate sul principio della democrazia reale, piazza Santo Stefano nel capoluogo lombardo, con una presenza, tra le tante cittadine e i tanti cittadini, anche di Davide Rossi e di docenti e studenti del SISA. Davide Rossi, anima ogni giorno un dibattito pubblico alle ore 16.30, lunedì 4 luglio sarà sulla relazione diseguale tra Nord e sud del mondo, martedì 5 luglio dedicato al tema dei precari, abilitati e non abilitati.

Il Sindacato, esprimendo solidarietà al segretario generale, si augura che la sua scelta possa smuovere un’informazione che purtroppo conferma, nella sua maggioranza, di orientarsi verso temi differenti rispetto a quelli posti in discussione dagli Indignati di Milano, eppure discutere del movimento che cresce e si allarga in tutta Europa, dei giovani senza prospettive, dei precari sfruttati, della scuola distrutta, dell’assenza di lavoro, di prospettive, di futuro, il porre al centro della riflessione l’ecosistema al collasso e l’Occidente in declino irreversibile, dovrebbe riguardare tutti, soprattutto chi si occupa di informazione, perché le ragioni della comune convivenza umana sono più importanti di molta sterile quotidianità che invade pagine intere della nostra stampa.

Emilio Sabatino
Segretario nazionale

Versione stampabile
anief anief
soloformazione