Il rientro a scuola nell’istituto più grande d’Italia: s’inizia il 22 settembre con ingressi scaglionati, non tutti avranno il banco

L’Adnkronos all’Istituto alberghiero Pietro Piazza di Palermo, 2500 studenti, il più grande d’Italia. “Non siamo seggio elettorale – spiega il dirigente scolastico Vito Pecoraro – ma stiamo facendo dei lavori nella scuola, come il ripristino dei servizi igienici, la sistemazione di alcuni cartelli con indicazioni, e voglio che gli studenti tornino in aula quando è tutto pronto”.

Il collegio dei docenti, sfruttando la possibilità offerta ai singoli presidi dalla Regione Sicilia, delibera lo slittamento dell’inizio dell’anno scolastico al 22 settembre.

Partiamo il primo giorno con le V, il secondo con le IV, il terzo giorno con le III e il quarto con le II – racconta Pecoraro – Le prime invece, ne abbiamo 24, entreranno sei per volta ogni giorno nei primi quattro giorni ma in tarda mattinata, in modo da evitare assembramenti. Voglio incontrare tutti i miei studenti, andrò classe per classe per spiegargli bene quali sono le regole da seguire. Quest’anno torna come materia l’Educazione civica e il primo modulo che abbiamo inserito è proprio il rispetto delle regole anti Covid“.

Seconde, terze e quarte entreranno dimezzate a settimane alterne e gli studenti che non saranno in aula seguiranno la didattica a distanza – afferma Pecoraro – E’ il solo modo che abbiamo per garantire la distanza tra gli alunni“. E ancora. “Dispenser igienizzanti e mascherine sono arrivati, in quantità che basterà solo per i primi giorni ma dalla Protezione civile hanno assicurato che non mancheranno – continua – Dei banchi singoli invece ancora non c’è traccia e non sappiamo neanche quando arriveranno. Utilizzeremo i banchi classici per un solo studente e dove gli spazi non lo consentono, gli alunni avranno solo una sedia“.

 

 

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!