Il rettore Cuzzocrea: “I ragazzi devono imparare ad accettare i fallimenti e a risollevarsi, non possiamo regalare la laurea”

WhatsApp
Telegram

Salvatore Cuzzocrea, presidente della Conferenza dei Rettori Italiani, ha espresso il suo pensiero sulla questione sollevata da Emma Ruzzon, rappresentante degli studenti, durante la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico a Padova.

La Ruzzon ha fatto riferimento al tragico caso di una studentessa iscritta allo Iulm di Milano che si è tolta la vita in un bagno dell’ateneo.

Cuzzocrea, in un’intervista al Corriere della Sera, ha affermato che è necessario ascoltare il grido di dolore dei giovani e aiutarli a realizzare i loro sogni sostenendoli nei momenti di difficoltà, ma non è possibile regalare loro la laurea. Il rettore ha espresso preoccupazione per la distorsione di un sistema universitario sempre più competitivo che, in nome del merito, punisce coloro che non riescono a mantenere il ritmo.

Poi aggiunge: “Credo che il merito sia una buona cosa e non dovrebbe essere percepito come un danno, anzi, aiuta a creare una linea di partenza equa per tutti. È normale commettere errori, bisogna imparare a cadere e rialzarsi. Tuttavia, se sbaglio un rigore, non posso incolpare l’allenatore. I giovani di oggi devono comprendere che un insucesso non li rende falliti. Ritengo che anche la società contemporanea, che valorizza maggiormente il successo facile dei tiktoker piuttosto che l’istruzione e il lavoro, abbia una parte di responsabilità. Ma chi ha detto che se non diventi Elon Musk non sei nessuno? Non esistono lavori di serie A e serie B, esiste solo il lavoro ben fatto o mal fatto, sia che si tratti di un idraulico o di un cardiochirurgo”.

Infine sottolinea: “Io penso che questa generazione debba uscire dalla rassegnazione e ritrovare la capacità e la voglia di mangiarsi il mondo. Noi siamo qui per aiutarli a ritrovare fiducia in se stessi, ma non possiamo fare un ciclostile e mandargli il diploma a casa. Regalare la laurea non sarebbe fargli un regalo”.

Leggi anche

“Basta, siamo stanchi di piangere coetanei uccisi dalla competizione”. L’appello della studentessa scuote l’università [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia