Il regista Riccardo Milani: “Un futuro migliore passa attraverso il ruolo sottovalutato e insostituibile degli insegnanti”

WhatsApp
Telegram

Un mondo a parte: la commedia sociale di Riccardo Milani con Antonio Albanese e Virginia Raffaele. Un film che racconta la resistenza culturale e l’importanza della scuola nelle piccole comunità montane.

Riccardo Milani torna a dirigere Antonio Albanese e Virginia Raffaele in una commedia sociale, tenera e malinconica: “Un mondo a parte”. Il film, ambientato in un piccolo paese montano, racconta la storia di due insegnanti che lottano per tenere aperta la scuola locale, minacciata dalla chiusura per mancanza di alunni.

Albanese interpreta un insegnante di lettere romano che, trasferitosi al paesino, si scontra con la realtà di una scuola a rischio. Virginia Raffaele è la vicepreside, una donna abruzzese che combatte con tenacia per la sopravvivenza dell’istituto.

Il film è un omaggio alle piccole comunità montane e al ruolo fondamentale della scuola nel preservare la cultura e l’identità di questi territori. Milani ci mostra una realtà spesso dimenticata, fatta di sacrifici e di resistenza quotidiana, ma anche di grande umanità e speranza. La commedia è ricca di momenti divertenti e commoventi, grazie all’alchimia tra Albanese e Raffaele e alla scrittura brillante di Milani. Il film ci fa ridere e riflettere al tempo stesso, invitandoci a non dimenticare l’importanza di una scuola pubblica di qualità per tutti.

Un mondo a parte è un film importante e necessario, che ci ricorda il valore della cultura e della coesione sociale. Un film che ci fa sorridere e commuovere, lasciandoci un messaggio di speranza per il futuro.

L’idea del film, due anni fa, è partita da questa immagine – racconta Milani a La Repubblica – sono entrato in una scuola chiusa da tempo, computer accatastati, il gelo, la rassegnazione di chi mi faceva da guida. Lì abbiamo girato il film, facendole riprendere vita, raccontando gli espedienti che docenti e amministratori di migliaia di piccoli centri ricorrono per tenere in piedi le scuole”.  Nel film la vicepreside Virginia Raffaele dice “piano piano ci siamo rassegnati al peggio, è la cosa più brutta che può accadere a un essere umano”. Ed è quello che racconta la commedia di Milani: una storia di resistenza culturale, impegnarsi per un futuro migliore che passa attraverso il ruolo sottovalutato e insostituibile degli insegnanti.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri