Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Il Protocollo per l’inclusione alunni con BES: cos’è, destinatari, come si propone, norme. Con esempio da scaricare

WhatsApp
Telegram

Il documento denominato “Protocollo per l’inclusione” è la guida dettagliata d’informazione di ciascun istituto scolastico riguardante l’integrazione degli alunni con handicap e BES. Contiene principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un inserimento ottimale degli alunni con bisogni speciali, definisce i compiti ed i ruoli delle figure operanti all’interno dell’istituzione scolastica, traccia le linee delle possibili fasi dell’accoglienza e delle attività di facilitazione per l’apprendimento. Il protocollo rappresenta uno strumento di lavoro e pertanto viene integrato e rivisto periodicamente, sulla base delle esperienze realizzate. L’adozione del “Protocollo per l’inclusione” consente di attuare in modo operativo le indicazioni normative contenute nella Legge Quadro n° 104/92, la legge n.170 dell’8/10/2010 e dalla successiva C.M. n.8 del 6/03/2013; nonché di una dettagliata normativa che è richiamata a seguire nell’articolo.

Destinatari dell’intervento a favore dell’inclusione scolastica

Sono destinatari dell’intervento a favore dell’inclusione scolastica – si legge nel “Protocollo per l’Inclusione” dell’istituto Comprensivo di Civitella Casanova, diretto brillantemente dal dirigente scolastico prof.ssa Angela Serafini – tutti gli alunni con Bisogni Educativi Speciali comprendenti:

  • disabilità (ai sensi della Legge 104/92 , Legge 517/77 );
  • alunni con disturbi specifici dell’apprendimento – DSA (Legge 170/2010);
  • alunni con disturbi evolutivi specifici;
  • alunni con svantaggio socio – economico;
  • svantaggio linguistico e/o culturale (prevalentemente alunni stranieri).

Come si propone il Protocollo per l’inclusione

Il Protocollo per l’Inclusione – si legge nel “Protocollo per l’Inclusione” dell’istituto Comprensivo di Civitella Casanova – si propone di:

  • consentire il pieno diritto all’istruzione e formazione di tale tipologia di studenti garantendone l’integrazione e l’inclusione;
  • definire pratiche condivise “alleanza educativa” tra tutto il personale all’interno del nostro Istituto per favorire una responsabilità condivisa e collettiva per avere una vera inclusione scolastica;
  • facilitare l’ingresso a scuola e sostenere gli alunni nella fase di adattamento al nuovo ambiente;
  • promuovere qualsiasi iniziativa di comunicazione e di collaborazione tra scuola ed Enti territoriali (Comune, APSS, Provincia, Cooperative, Enti di formazione).

Le prassi condivise

Il Protocollo per l’Inclusione – si legge nel brillante “Protocollo per l’Inclusione” dell’istituto Comprensivo di Civitella Casanova – delinea prassi condivise di carattere:

  • amministrativo e burocratico (documentazione necessaria)
  • comunicativo e relazionale (prima conoscenza)
  • educativo – didattico (assegnazione alla classe, accoglienza, coinvolgimento del consiglio di classe)
  • sociale (eventuali rapporti e collaborazione della scuola con il territorio per la costruzione del “Progetto di Vita”).

Norme di carattere generale

A seguire una dettagliata normativa raccolta nel “Protocollo di accoglienza per alunni con Bisogni Educativi Speciali” redatto e in uso nel prestigioso Istituto Comprensivo Statale “Vincenzo Randi” di Ravenna, diretto con grande competenza dal dirigente scolastico prof. Mirco Banzola. Il Protocollo si allega come esempio di eccellente scuola, certi che esso possa rappresentare un utile strumento interpretativo del variegato caleidoscopio dell’accoglienza di alunni con BES.

  • DPR n. 275 dell’8 marzo 1999: Regolamento recante norme in materia di autonomia delle Istituzioni scolastiche, ai sensi dell’art. 21 della legge 15 marzo 1997 n. 59
  • DPR n. 122 del 22 giugno 2009: Regolamento recante coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni e ulteriori modalità applicative in materia, ai sensi degli articoli 2 e 3 del decreto-legge I settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169
  • DLvo n. 62 del 13 aprile 2017: Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed Esami di Stato, a norma dell’art. 1, cc180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107
  • OM 172 del 4 dicembre 2020: Valutazione periodica e finale degli apprendimenti delle alunne e degli alunni delle classi della scuola primaria (con Linee Guida allegate)
  • Nota MI n. 2158 del 4 dicembre 2020: Valutazione scuola primaria – Trasmissione Ordinanza e Linee guida e indicazioni operative.

Disabilità

  • Legge n. 118 del 30 marzo 1971: Conversione in legge del D.L. 30 gennaio 1971, n. 5 e nuove norme in favore dei mutilati ed invalidi civili
  • Legge n. 517 del 4 agosto 1977: Norme sulla valutazione degli alunni e sull’abolizione degli esami di riparazione nonché altre norme di modifica dell’ordinamento scolastico
  • Legge n. 104 del 5 febbraio 1992: Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate
  • DPR n. 24 febbraio 1994: Atto di indirizzo e coordinamento relativo ai compiti delle unità sanitarie locali in materia di alunni portatori di handicap
  • DPR n. 323 del 23 luglio 1998: Regolamento recante Disciplina degli esami di stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore a norma dell’art. 1 della legge 10 dicembre 1997 n. 425
  • Nota MIUR n. 4798 del 27 luglio 2005: Attività di programmazione dell’integrazione scolastica degli alunni disabili da parte delle Istituzioni scolastiche – Anno scolastico 2005-2006
  • OM n. 90 del 21 maggio 2001: Norme per lo svolgimento degli scrutini e degli esami nelle scuole statali e non statali di istruzione elementare, media e secondaria superiore – Anno scolastico 2000-2001, in part. l’art. 15
  • CM n. 125 del 20 luglio 2001: Certificazione per gli alunni in situazione di handicap
  • DPCM n. 185 del 23 febbraio 2006: Regolamento recante modalità e criteri per l’individuazione dell’alunno come soggetto in situazione di handicap, ai sensi dell’articolo 35, comma 7, della legge 27 dicembre 2002, n. 289
  • Nota MIUR n. 4274 del 4 agosto 2009: Trasmissione delle “Linee guida per l’integrazione scolastica degli alunni con la disabilità”
  • DLvo n. 66 del 13 aprile 2017: Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, a norma dell’articolo 1, cc. 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n. 107
  • Nota MIUR n. 1153 del 4 agosto 2017: Chiarimenti in merito alla decorrenza dei termini di applicazione delle indicazioni del D.L.vo n. 66/2017
  • Nota MIUR n. 15578 del 8 agosto 2017: Chiarimenti in merito alla decorrenza dei termini di applicazione delle indicazioni del D.L. vo n.66/2017.
  • DLvo n. 96 del 7 agosto 2019 : Disposizioni integrative e correttive al D.Lvo 13/04/2017, n. 66
  • D.I. n. 182 del 29 dicembre 2020: Adozione del modello nazionale di piano educativo individualizzato e delle correlate linee guida, nonché modalità di assegnazione delle misure di sostegno agli alunni con disabilità, ai sensi dell’articolo 7, comma 2-ter del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66.
  • Nota MI n. 40 del 13 gennaio 2021: Modalità per l’assegnazione delle misure di sostegno e nuovo modello di
    PEI ai sensi dell’ Art. 7, comma 2-ter del decreto legislativo 66/2017. Decreto del Ministro dell’istruzione 29 dicembre 2020, n. 182
  • Nota USR ER n. 1300 del 25 gennaio 2021: Decreto Ministeriale del 29 dicembre 2020, n. 182: “Adozione del modello nazionale di piano educativo individualizzato e delle correlate linee guida, nonché modalità di assegnazione delle misure di sostegno agli alunni con disabilità, ai sensi dell’articolo 7, comma 2-ter del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66”
  • D.D. n. 75 del 26 gennaio 2021: Misure di accompagnamento delle istituzioni scolastiche alle nuove modalità di inclusione previste dal decreto legislativo 13 maggio 2017, n. 66 e alle disposizioni contenute nel Decreto interministeriale 29 dicembre 2020, n 182.
  • Sentenza del Tar del Lazio n. 9795/2021: Sentenza sul ricorso numero di registro generale 2858 del 2021, proposto da Coordown Odv – Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down (Trisomia 21), Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno, A.S.S.I. Gulliver Associazione Sindrome di Sotos Ita-Lia Aps, Associazione Prader Willi Lombardia – Odv, Associazione Regionale Autismo Abruzzo Onlus (Auti-Smo Abruzzo Onlus), Fondazione Cepim Onlus, Persone Williams Italia Onlus, Pianeta Down Onlus, Spazio Blu Autismo Varese Onlus, del 14/09/21.
  • Nota MI n. 2044 del 17 settembre 2021;
  • Sentenza n. 9795/2021 del 14/09/2021, TAR Lazio. Indicazioni operative per la redazione dei PEI per l’a.s.2021/2022.

DSA

  • Nota MIUR n. 4099/A4 del 5 ottobre 2004: Iniziative relative alla dislessia
  • Nota MIUR n. 26/A4 del 5 gennaio 2005: Iniziative relative alla dislessia
  • Nota MIUR n. 4674 del 10 maggio 2007: Disturbi di apprendimento: indicazioni operative
  • Legge n. 170 dell’8 ottobre 2010: Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico
  • DM n. 5669 del 12 luglio 2011: Decreto attuativo della Legge n.170/2010. Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici dell’apprendimento
  • Accordo Governo-Regioni del 24 luglio 2012: Indicazioni per la diagnosi e la certificazione dei Disturbi specifici di apprendimento (DSA)
  • Nota USR ER n. 2396 del 12 febbraio 2018: Alunni segnalati per Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA). Indicazioni permanenti

Altri BES

  • Nota MIUR n. 6013 del 4 dicembre 2009: Problematiche collegate alla presenza nelle classi di alunni affetti da sindrome ADHD (deficit di attenzione/iperattività)
  • Nota MIUR n. 4089 del 15 giugno 2010: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività
  • Direttiva MIUR del 27 dicembre 2012: Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica
  • CM n. 8 del 6 marzo 2013: Strumenti di intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica. Indicazioni operative.
  • Nota MIUR n. 1551 del 27 giugno 2013: Piano annuale per l’inclusività
  • Nota MIUR n. 2563 del 22 novembre 2013: Strumenti di intervento per alunni con bisogni educativi speciali a.s. 20132014
  • Nota MIUR n. 7433 del 18 dicembre 2014: Trasmissione delle “Linee di Indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati”
  • Comunicato Stampa MIUR 11 dicembre 2017: Firma delle “Linee guida per il diritto allo studio delle alunne e degli alunni fuori dalla famiglia d’origine”
  • Nota MIUR n. 1143 del 17 maggio 2018: L’autonomia scolastica quale fondamento per il successo formativo di ognuno.

Alunni stranieri

  • CM n. 301 dell’8 settembre 1989: Inserimento degli alunni stranieri nella scuola dell’obbligo
  • CM n. 205 del 2 luglio 1990: Educazione Interculturale
  • CM n. 5 del 12 gennaio 1994: Iscrizione degli alunni stranieri anche sprovvisti di permesso di soggiorno
  • CM n. 73 del 2 marzo 1994: Il dialogo interculturale e la convivenza democratica
  • Legge n. 40 del 6 marzo 1998: Disciplina dell’immigrazione e condizione giuridica dello straniero (c.d. Legge Turco-Napolitano; cfr. in particolare art. 36)
  • D.Lvo n. 286 del 25 luglio 1998: Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero
  • DPR n. 394 del 31 agosto 1999: Regolamento recante norme di attuazione del TU delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, a norma dell’art. 1, c. 6, del Dvo 286/1998, (in partic. art. 45)
  • Legge n. 189 del 30 luglio 2002: Modifica alla normativa in materia di immigrazione e di asilo (c.d. Legge Bossi-Fini)
  • CM n. 24 del 1 marzo 2006: Trasmissione delle “Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri 2006”
  • Comunicato stampa MIUR 23 ottobre 2007: Presentazione del Documento “La via italiana per la scuola interculturale e l’integrazione degli alunni stranieri”, a cura dell’Osservatorio nazionale per l’integrazione degli alunni stranieri e per l’educazione interculturale
  • CM n. 2 dell’8 gennaio 2010: Indicazioni e raccomandazioni per l’integrazione di alunni con cittadinanza non italiana
  • CM n. 465 del 27 gennaio 2012: Studenti con cittadinanza non italiana iscritti a classi di istituti di istruzione secondaria di secondo grado. Esami di Stato.
  • Nota MIUR n. 4233 del 19 febbraio 2014: Trasmissione delle “Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri 2014” (con errata corrige del 19/05/2014)
  • Legge n. 107 del 13 luglio 2015: Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti (in part. art. 1 co. 7 lett. r)
  • Nota MIUR n. 5535 del 9 settembre 2015: Trasmissione del documento “Diversi da chi? Raccomandazioni per l’integrazione degli alunni stranieri e per l’intercultura.

Protocollo inclusione_alunni_bes

Siti di riferimento

Ministero Istruzione

http://www.miur.gov.it/bisogni-educativi-speciali

http://www.istruzione.it/dg_studente/disabilita.shtml#.W7Dg_q3Y7m0

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Ultimi posti disponibili per partecipare all’incontro: “PNRR, Start-up per dirigenti scolastici – Attuazione delle linee di investimento”