Il professore come un robot: a Campobasso la didattica a distanza si fa con l’avatar

Stampa

Gli alunni della scuola primaria e media del Convitto Nazionale “Pagano” di Campobasso hanno avuto un insegnante speciale: un robot che funge da avatar del docente costretto all’isolamento a causa del Covid-19. 

Così come segnala La Repubblica, nelle aule dell’istituto molisano, a settembre, sono entrati due robot, realizzati dalla società Genius Robotics. I ragazzi da casa hanno la possibilità di muovere il robot all’interno dell’aula, di occupare il proprio posto e di porre domande agli insegnanti. I robot sono alimentati a ioni di litio, hanno un’autonomia di 18 ore e, messi in carica, dopo tre ore sono di nuovo pronti a svolgere le loro funzioni.

“Durante il lockdown, invece di fermarci, abbiamo pensato insieme ai docenti cosa poter fare di nuovo e come ripartire: è per questo che ci siamo affidati alla tecnologia”, afferma Rossella Gianfagna, rettrice del Convitto Mario Pagano. “Potremmo avviare un laboratorio di robotica con i ragazzi in base alla loro reazione. In un periodo in cui tutto il mondo si è fermato, noi abbiamo già pensato a come ripartire, perché la scuola non può fermarsi”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur