Il primo liceo digitale: dall’intelligenza artificiale agli stage. L’obiettivo è “educare a pensare”. Il piano di studi

WhatsApp
Telegram

E’ stato inaugurato ieri mattina all’ITCG Carlo Matteucci di Roma il primo liceo digitale d’Italia, “una vera, grande innovazione per la scuola italiana” ha detto il Ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi intervenendo nella cerimonia di inaugurazione. Il liceo nasce da una collaborazione con Leonardo e Fondazione Leonardo.

Il liceo mira a creare figure altamente specializzate nell’era digitale, favorendo il dialogo tra discipline scientifiche e tecniche e quelle umanistiche, si legge nella brochure di presentazione. L’obiettivo è “educare a pensare”.

Nel primo biennio si introduce l’intelligenza artificiale e il Laboratorio del pensiero “per creare le basi per uno studio più consapevole della filosofia negli anni successivi”.

Nel secondo biennio e quinto anno lo studente viene coinvolto in un progetto affiancato da un tutor di Leonardo e svolge uno stage presso una delle sedi aziendali.

Gli studenti possono osservare, creare, costruire, collaborare e imparare, grazie agli strumenti didattici e digitali innovativi, base per tutte le discipline insieme alle STEM.

Il piano di studi

Gli studenti usciranno dal liceo con competenze in campo scientifico e soprattutto nell’ambito dell’intelligenza artificiale, avendo la possibilità di trovare occupazione in aziende ed enti pubblici o istituti di ricerca. Fra i corsi universitari specifici ci sono Filosofia digitale, Informatica umanistica, Digital marketing, Ingegneria Robotica e dell’Automazione.

Nasce a Roma il primo liceo digitale d’Italia: 30 studenti per la prima classe. Bianchi: “Una grande, vera innovazione”

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur