Il piano del Ministero: avvio delle lezioni nella stessa data per tutte le regioni

Stampa

Una data unica per uniformare l’avvio delle lezioni in tutta Italia. E’ questo il piano del Ministero dell’Istruzione, che si evince dal comunicato stampa pubblicato a proposito dell’approvazione del decreto sostegni bis.

“Sempre per settembre in raccordo con le Regioni, e nel rispetto della loro competenza in materia, si lavorerà per uniformare la data di avvio delle lezioni”, si legge sul testo.

L’idea di uniformare l’inizio delle attività didattiche deve essere letta sicuramente dal punto di vista politico-organizzativo: con l’idea di accelerare molte operazioni relative soprattuto al personale, come ad esempio il reclutamento degli insegnanti, l’avvio ordinato di settembre è da sempre uno dei pallini del Ministro Bianchi. Dunque, non solo tutti i docenti in cattedra a settembre: anche gli studenti dovranno tornare fra i banchi contemporaneamente.

C’è poi, senza dubbio, un valore simbolico in questa iniziativa: tornare tutti lo stesso giorno, in periodo in cui si spera che il covid, o quantomeno, la sua fase più aggressiva, sarà alle spalle. Ritornare tutti insieme in classe per provare a ricostruire la scuola post pandemia.

Certamente, non sappiamo come e se si verificherà ciò: come sappiamo, il calendario scolastico è di pertinenza regionale. Anzi: alcune regioni hanno già deliberato i calendari scolastici per il prossimo anno scolastico, altre lo faranno nelle prossime settimane. La sospensione dell’attività didattica interessa tutte le regioni nelle stesse date (con qualche eccezione) nei periodi di festività come Natale e Pasqua, varia invece l’inizio e la fine dell’anno scolastico.

Calendario scolastico 2021/22: quando iniziano le lezioni a settembre. Le date per regione [AGGIORNATO con Campania]

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur