Il “Piano annuale delle attività del personale ATA” deve essere notificato per iscritto

Il Piano delle attività del personale Ata, va “notificato” agli interessati? Se sì, in che modo va fatta questa notifica?

Riceviamo in redazione questo quesito. Risponde il consulente Giovanni Calandrino.

Innanzitutto chiariamo che il “Piano annuale delle Attività di lavoro del personale ATA” va stabilito a settembre di ogni anno scolastico e non alla fine, fatta questa doverosa precisazione le rispondo che, non solo va notificato per iscritto a tutto il personale ma può anche essere pubblicato all’albo pretorio.

Chiariamo che la trasparenza della Pubblica Amministrazione consiste proprio nella pubblicità di atti, documenti, informazioni e dati propri di ogni amministrazione. Lo scopo è quello di favorire forme diffuse di controllo sull’azione amministrativa, sull’utilizzo delle risorse pubbliche e sulle modalità con le quali le pubbliche amministrazioni agiscono per raggiungere i propri obiettivi.

La fonte normativa è il d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 e le sue successive modificazioni (cd. decreto trasparenza), che ha riordinato la normativa esistente – anche innovandola – fornendo così una disciplina unitaria della trasparenza amministrativa.

Quali sono gli obblighi di pubblicazione per finalità di trasparenza? Sono quelli, indicati principalmente nel decreto trasparenza, che riguardano l’organizzazione e l’attività delle pubbliche amministrazioni.

A parere dello scrivente il “Piano annuale delle attività del personale ATA” rientra fra i principi di organizzazione della pubblica amministrazione dunque se la scuola si limita a includere negli atti da pubblicare solo quei dati personali realmente necessari e proporzionati alla finalità di trasparenza, il piano annuale del personale ATA può essere pubblicato on-line.

Segui il nuovo ciclo formativo Eurosofia: “Educazione civica, cittadinanza attiva e cultura della sostenibilità a scuola”