Il pediatra Villani: “La scuola è il posto più sicuro perché ci sono regole precise e c’è chi le fa rispettare”

Stampa

“La scuola è il posto più sicuro perché ci sono regole precise e c’è chi le fa rispettare”. Il presidente della Società italiana di pediatria (Sip), Alberto Villani, lo ribadisce ai microfoni del Tg3 commentando i dati sui contagi diffusi dal ministero dell’Istruzione (MI) a un mese dalla riapertura dell’anno scolastico.

Al 10 ottobre, secondo il monitoraggio condotto dal dicastero guidato da Lucia Azzolina, gli studenti contagiati sono pari allo 0,080% (5.793 casi di positività), per il personale docente la percentuale è dello 0,133% del totale (1.020 casi), per il personale non docente si parla dello 0,139% (283 casi).

Villani ricorda poi che “non in tutte le regioni le scuole sono riprese nello stesso giorno, ma in realtà i contagi stanno aumentando un po’ ovunque. Quindi – sottolinea il pediatra – questo certifica il fatto che in realtà è la socialità quella che implica l’aumento dei contagi”.

Intanto in molte parti d’Italia, proprio per scongiurare le chiusure, si stanno iniziando a usare i test rapidi.

“Certamente nessuno avrebbe mai immaginato in così poche settimane di disporre di test così validi e attendibili – sottolinea Alberto Villani – quindi più si va avanti e più avremo degli strumenti diagnostici efficaci e rapidi”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia