Il pedagogista clinico, per far star bene gli insegnanti nel loro ambiente

WhatsApp
Telegram

Solitamente siamo abituati a vivere la scuola come luogo in cui si apprendono competenze cognitive e in cui la crescita psicofisica della persona passa in secondo piano; essa, invece, dovrebbe essere un luogo di opportunità e soddisfazione, in cui non dovrebbero trovare spazio l’avvilimento, la demoralizzazione, né tanto meno la caccia all’errore.

I nuovi programmi di insegnamento danno particolare risalto alle variabili di natura emozionale e ciò rende più probabile che si riesca a fare qualche passo in avanti verso una trasformazione del nostro sistema educativo, cosicché esso diventi strumento capace di promuovere uno sviluppo integrale del giovane. Ecco, in tale contesto trova spazio il pedagogista clinico, figura ancora poco conosciuta nel mondo scolastico, che mira tanto a un coinvolgimento olistico e attivo dell’alunno nel processo di apprendimento quanto a un supporto del docente, affinché torni ad essere il costruttore della sua attività pedagogica, capace di mettere in moto le proprie competenze attraverso una metodologia creativa.

Cosa vuol dire nel concreto tutto questo? Gli insegnanti hanno bisogno di stare bene nel loro ambiente lavorativo, di avere fiducia nelle loro competenze e di credere nella propria creatività pedagogica e nelle proprie risorse educative.
In una società in cui prevalgono la multimedialità ed il virtuale, diventa ancora più necessaria la partecipazione in prima persona dei ragazzi al processo di apprendimento attraverso la drammatizzazione, l’essere attori attivi anziché spettatori passivi di programmi televisivi e di giochi basati su realtà virtuali che possono spersonalizzare e distaccare dalla realtà; in tutto questo la pedagogia clinica, con i suoi metodi e le sue tecniche, entra a gamba tesa per concedere un aiuto concreto e diretto attraverso esperienze che passano attraverso il corpo, per dare voce ad aspetti affettivi, emotivi e comunicazionali, affinché diventino processi di apprendimento e di crescita intellettuale e personale.

Dott ssa Piscopiello Valeria, Pedagogista clinico
Dott ssa Macrì Luigia, Pedagogista Clinico
Dott.ssa Loperfido Filomena, pedagogista clinico

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta