Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Il morbo della ragione: la malaria e le pestilenze in un’UdA per la Secondaria di II grado

WhatsApp
Telegram

Il 25 aprile, la Giornata Mondiale della Malaria è l’occasione per ricordare l’importanza di aderire attorno a un obiettivo comune: un mondo senza la malaria. Nel World Malaria Report 2019 dell’OMS, il numero stimato di casi nel mondo nel 2018 è stato di 228 milioni rispetto ai 251 del 2010 e ai 231 milioni del 2017. il periodo 2015-2017 non mostra progressi significativi. Senza un’azione urgente, i grandi progressi nella lotta contro la malaria sono in pericolo. World Vision è impegnata nella protezione dei bambini e delle loro famiglie contro questa malattia e nella cura delle vittime in tutto il mondo.

Cos’è la malaria?

La malaria è una malattia trasmessa dalle femmine di zanzara della specie Anopheles, portatrici del parassita Plasmodium, che pungono tra il tramonto e l’alba. Attaccando i globuli rossi, questa parassita provoca febbre, mal di testa, vomito e disturbi circolatori nel paziente. Cinque diversi tipi di parassiti infettano l’uomo: P. falciparum, P. vivax, P. ovale, P. malariae e P. knowlesi. Mentre P. falciparum e P. vivax sono iù comuni, P. falciparum è il più pericoloso perché causa iù alti tassi di complicanze e mortalità. Questa forma mortale di malaria è un grave problema di salute pubblica nella maggior parte dei paesi dell’Africa subsahariana.

Malaria: una malattia che uccide ogni giorno

Nel 2021, a livello globale, il numero di decessi dovuto alla malaria è stato stimato in 407.000 , rispetto ai 422.000 del 2019 e ai 585.000 del 2010. I bambini sotto i 5 anni sono i più vulnerabili alla malaria. Nello stesso anno, hanno rappresentato il 67% dei decessi per malaria. Il 95% dei decessi per malaria è verificato in Africa. Il 93% dei casi di malaria è stato registrato in Africa, rispetto al 3,4% nel sud-est asiatico e al 2,1% nel Mediterraneo orientale. 19 paesi rappresentano l’80% del numero totale di casi di malaria nel mondo, tra cui Nigeria (25%), Repubblica Democratica del Congo (12%), Uganda (5%), così come Costa d’Avorio , Mozambico e Niger (4 % ciascuno).

La diagnosi precoce e il trattamento tempestivo

La diagnosi precoce e il trattamento tempestivo sono più efficaci nel prevenire la prevenzione del caso della malaria e del mortale associato. Le indagini nazionali rivelano disparità nell’accesso alle cure in base al reddito familiare e al luogo di residenza. Tra i bambini che presentano sintomi di malaria, quel delle famiglie meno povere tendevano più facilmente a cercare cure mediche, à differenza di quelli delle famiglie più povere. Avevano anche maggiori probabilità di avere accesso all’assistenza tra che abitano nelle aree urbane rispetto alle famiglie nelle aree rurali. Nel 2018, attraverso la partnership internazionale World Vision, World Vision ha protetto dalla malaria oltre 20 milioni di bambini e donne incinte e ha distribuito quasi 14 milioni di zanzariere trattate con insetticidi.

Covid-19: un rischio in più di fronte alla malaria

Nei contesti più fragili, la crisi del Coronavirus intensifica l’insicurezza alimentare che può causare un aumento del 40% di questo caso di malnutrizione grave: un aggravante di fronte alla malaria! Sono quindi altri 100.000 i bambini che rischiano di morire di malaria, con un aumento del 50%. Nonostante la pandemia di COVID-19, la malaria è un grave problema nei paesi dell’Africa subsahariana. Poiché questi paesi devono affrontare la crisi del Coronavirus, è essenziale non ridurre la guardia di fronte alla malaria e continuare le azioni preventive, nonché rilevare e curare i casi.I sistemi sanitari di queste regioni sono fortemente indeboliti e rischiano di essere rapidamente saturati dai casi di Coronavirus. Ciò può avere conseguenze drammatiche sulla cura delle persone affette da malaria e aumentare così la mortalità legata alla malattia.

Accesso alle infrastrutture sanitarie

La presa in considerazione dei problemi di accesso alle infrastrutture sanitarie è centrale nella lotta alla mortalità correlata alla malaria. Le persone muoiono di malaria perché non vengono curate in tempo. Queste situazioni rischiano di essere sempre più frequenti durante l’epidemia di COVID-19, una causa in particolare del timore di contrarre il virus durante una visita in ospedale.

La lotta contro la malaria

Attraverso i programmi di sviluppo e il suo approccio globale per il diritto alla salute e l’accesso alle cure per le famiglie vulnerabilità, si agisce per la prevenzione della malaria. Nelle zone colpite dalla malattia l’associazione distribuisce zanzariere trattate con insetticidi e facilita l’ assistenza medica delle vittime della malaria allestendo centri sanitari in aree remote. In Africa occidentale, la maggior parte delle famiglie è colpita dal ciclo di morte per insicurezza alimentare e malaria. Indeboliti dalla malnutrizione, i bambini piccoli sono particolarmente deboli e non hanno la forza per combattere la malattia.

Il morbo della ragione: un’UdA per la III classe della Superiore

Il morbo della ragione”: questo il titolo di un’Unità di Apprendimento destinata ad evidenziare i meccanismi sociali ed economici e le reazioni emotive innescati dalle epidemie, realizzata dai docenti validissimi dell’Istituto Tecnico Economico “Alfonso Gallo” di Aversa diretto magistralmente dal dirigente scolastico, Prof.ssa Vincenza Di Ronza, una vera icona della gestione manageriale della scuola.

UDA-3-ANNO secondaria superiore – IL MORBO DELLA RAGIONE

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, corso di preparazione valido per preselettiva, scritto ed orale. Con esempi. Ultimi giorni a prezzo scontato