Il modello Italia fa scuola: un bimbo scrive al premier inglese Johnson. Il primo ministro: “Babbo Natale arriverà”

Stampa

Niente restrizioni per Babbo Natale nonostante l’emergenza Covid. A rassicurare i bambini britannici, in ansia per i regali, è il primo ministro Boris Johnson in persona, con un tweet di risposta alle tante letterine (alcune allegate in copia) ricevute a Downing Street sull’argomento da piccoli sudditi di Sua Maestà.

“Monti, che ha 8 anni, mi ha scritto per chiedere se Babbo Natale sarà in grado di portare i regali quest’anno”, esordisce Johnson, aggiungendo qualche icona natalizia.

“Ho avuto un sacco di lettere su questo – prosegue – e così ho parlato con gli esperti e posso ora rassicurarvi che Babbo Natale potrà caricare la sua slitta e consegnare i doni anche questo Natale!”.

Il premier è padre di almeno 5 figli avuti in una vita segnata da due matrimoni e diverse relazioni coniugali, ai quali proprio nel 2020 se ne è aggiunto un sesto, il piccolo Wilfred, messo al mondo a fine aprile dalla futura terza moglie Carrie Symonds.

Il 12 novembre scorso era stato il premier Giuseppe Conte a rassicurare un bimbo sulle festività natalizie: “Babbo Natale arriverà e porterà i regali come ogni anno”. Questo perché “mi ha garantito che già possiede un’autocertificazione internazionale: può viaggiare dappertutto e distribuire regali a tutti i bambini del mondo. Senza nessuna limitazione”. Anche perché, aggiunge, “mi ha poi confermato che usa sempre la mascherina e mantiene la giusta distanza per proteggere se stesso e tutte le persone che incontra”. Poi Conte suggerisce anche di “fargli trovare sotto l’albero, oltre al latte caldo e ai biscotti, anche del liquido igienizzante”.

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio