Il Ministero nega ai Diplomati Magistrale anche il passaggio di ruolo. Anief avvia il ricorso gratuito e organizza un Webinar

Stampa

Comunicato Anief – Con il vincolo quinquennale intervenuto per tutti gli immessi in ruolo 2020/2021, praticamente nessuno potrà partecipare alle procedure di trasferimento e l’Anief ha già avviato le procedure per ricorrere.

Ma c’è una categoria di docenti che, avendo già superato in anni precedenti l’anno di prova perché già immesso in ruolo sullo stesso grado di istruzione da Graduatorie a Esaurimento, avrebbe potuto presentare domanda di passaggio di ruolo già da subito. L’Ordinanza Ministeriale n. 106/2021, però, nega tale possibilità di mobilità professionale in modo illegittimo perché il passaggio d ruolo e di cattedra non erano contemplati dalla normativa nazionale e, dunque, per il passaggio di ruolo o di cattedra non era previsto alcun vincolo quinquennale. Anief, unico sindacato da sempre attento alle problematiche dei docenti con diploma magistrale, avvia dunque le procedure di adesione allo specifico ricorso per ottenere il passaggio di ruolo e organizza un Webinar nazionale loro dedicato che si terrà il prossimo 7 aprile a partire dalle ore 15:30 per informare su tutte le possibilità riguardo le procedure di Mobilità 2021/2022. Per registrarsi al Webinar gratuito organizzato da Anief, clicce qui.

L’articolo 399, comma 3, del D.Lgs. 297/1994 cosi come modificato dalla Legge 159/2019, infatti, prevede che “A decorrere dalle immissioni in ruolo disposte per l’anno scolastico 2020/2021, i docenti a qualunque titolo destinatari di nomina a tempo indeterminato possono chiedere il trasferimento, l’assegnazione provvisoria o l’utilizzazione in altra istituzione scolastica ovvero ricoprire incarichi di insegnamento a tempo determinato in altro ruolo o classe di concorso soltanto dopo cinque anni scolastici di effettivo servizio nell’istituzione scolastica di titolarità, fatte salve le situazioni sopravvenute di esubero o soprannumero”. Il testo della norma nulla prescrive circa l’istituto del passaggio di ruolo, dunque sarebbe stato sempre consentito. Solitamente, però, i neoimmessi in ruolo non hanno superato, nell’anno di immissione in ruolo, l’anno di prova e formazione requisito indispensabile, oltre al possesso dell’abilitazione per la classe di concorso in cui si vuole richiedere il passaggio di ruolo. Ma i docenti già di ruolo in anni precedenti perché immessi in ruolo da Graduatoria a Esaurimento a seguito di ricorso e che hanno superato l’anno di prova nel “primo ruolo”, con la nuova immissione in ruolo accettata da concorso ordinario o straordinario nel 2020/2021 sullo stesso grado di istruzione non hanno dovuto ripetere l’anno di prova perché già superato negli anni precedenti e, dunque, avrebbero avuto facoltà sin da subito e con queste procedure di mobilità di presentare domanda di passaggio di ruolo anche cambiando la provincia di destinazione. L’Ordinanza Ministeriale n. 106/2021, invece, all’art. 1, comma 6, nega anche il passaggio di ruolo e di cattedra per 5 anni ai neoimmessi in ruolo, estendendo anche alla mobilità professionale un vincolo di 5 anni assolutamente non previsto dalla normativa vigente. Per questo motivo l’Anief ha avviato specifico ricorso per rivendicare il diritto dei docenti con diploma magistrale che già hanno superato l’anno di prova per una precedente immissione in ruolo di presentare legittimamente domanda di passaggio di ruolo con queste procedure di Mobilità.

Proprio per accompagnare, come sempre, i docenti in possesso di diploma magistrale appena immessi in ruolo anche nelle procedure di mobilità 2020/2021, inoltre, l’Anief ha organizzato un Webinar nazionale in cui fornirà tutte le informazioni e le indicazioni specifiche per i docenti con diploma magistrale neoimmessi in ruolo. Il Webinar sarà tenuto dalla Segretaria Generale Anief Chiara Cozzetto, con l’intervento del nostro Presidente Nazionale Marcello Pacifico e nel corso dell’incontro si affronteranno tutte le casistiche inerenti le procedure di mobilità 2021 fornendo istruzioni specifiche anche per chi vorrà aderire ai ricorsi Anief sulla Mobilità, per chi beneficia delle tutele di cui all’art. 33, commi 3 e 6 della Legge 104/1992, per chi sarà individuato come soprannumerario e per chi, appunto, ha già superato l’anno di prova a seguito di precedente immissione in ruolo nello stesso grado di istruzione e vuole ricorrere per presentare domanda di passaggio di ruolo con la Mobilità per poter, anche, cambiare provincia o scuola di titolarità.

Stampa