Il Ministero dell’Istruzione sceglie tra i suoi partner Telefono Azzurro per la didattica digitale

Stampa

Comunicato – Il Ministero dell’Istruzione ha scelto tra i suoi partner Telefono Azzurro, condividendo l’idea che il digitale è una risorsa che offre l’opportunità di mantenere vivo il rapporto tra la comunità scolastica, formata da alunni e docenti, e la Scuola.

Attraverso la didattica digitale, infatti, il Ministero dell’Istruzione ha creato un ambiente di lavoro per supportare gli istituti che hanno attivato forme di didattica a distanza a causa dell’emergenza Coronavirus e, all’interno di questo spazio, Telefono Azzurro mette a disposizione la propria esperienza proponendo webinar tematici e consigli per ragazzi e famiglie, affinché si possa ripartire con nuovi stimoli e nuove prospettive.

Tante le proposte e le sollecitazioni offerte, sempre frutto di molteplici collaborazioni messe in campo in questa stato di emergenza:

1. La prima è stata quella con Future Education Modena con cui è stato attivato da subito il progetto di pear education dal titolo “SFIDE”, nel quale i ragazzi delle scuole medie e superiori sono coinvolti, attraverso i loro docenti, per 8 settimane nel realizzare video pillole informative.

2. La seconda proposta riguarda la collaborazione a SOS didattica a distanza, iniziativa attivata dall’Unità Nazionale eTwinning, che fornisce una serie di materiali, risorse, forum tematici e eventi online al fine di supportare i docenti e le scuole. Telefono Azzurro si inserisce in questo progetto proponendo webinar per i docenti che si basano sulle tematiche trattate nel progetto “SFIDE”.

3. La terza, infine, riguarda la collaborazione con Attiviamo Energie Positive, progetto di Produzione dal Basso, che propone un ciclo di formazione e webinar gratuiti nel quale Telefono Azzurro collabora realizzando un webinar sulla Sicurezza in Rete di bambini e adolescenti, con un focus specifico sulla situazione attuale, rivolto agli adulti (genitori, docenti, ecc.)

“Stiamo lavorando a stretto contatto col Miur per capire come adattare le tecnologie che abbiamo a disposizione a una generazione di ragazzi che vuole partecipare, essere presente, testimoniare un impegno per il proprio futuro” – dice il professor Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurro – “Dobbiamo riorganizzare la scuola sulla base di quelle che sono le esigenze dei giovani. Per questo è necessario uno sforzo enorme, una rivoluzione nell’impostazione, che cerca e trova risposte nel loro ascolto dal quale risulta che in molti casi le hanno già”.

Stampa

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!