Il “Metaverso” entra in classe, a Milano 1.150 studenti lo useranno dalle 2 alle 4 ore al giorno e per tutte le discipline

WhatsApp
Telegram

L’Istituto Freud di Milano, una scuola superiore nota per il suo approccio innovativo, annuncia l’avvio di un progetto pionieristico per l’anno scolastico 2024-2025. Questo coinvolge l’adozione del Metaverso come strumento didattico in tutti gli ambiti di studio, promettendo una trasformazione radicale nel metodo di insegnamento e apprendimento. Più di 1.150 studenti, appartenenti a vari indirizzi di studio quali liceo scienze umane, scientifico, tecnico economico turismo e tecnologico informatico, saranno coinvolti in questa iniziativa.

Un progetto sperimentale di ampio raggio

Il progetto, considerato uno dei più estesi in Italia, prevede l’impiego delle tecnologie del Metaverso trasversalmente in tutte le classi e materie, per un impegno giornaliero che varia tra le due e le quattro ore. L’esperimento, già parzialmente introdotto in alcune classi di quinta dell’indirizzo tecnico informatico, rappresenta un approccio basato sull’aula immersiva. Questo ambiente virtuale, arricchito da tecnologie interattive, permette agli studenti di interagire direttamente con i materiali didattici proposti.

Una rivoluzione didattica multimediale

L’innovazione didattica proposta dall’Istituto Freud si avvale di un’ampia gamma di strumenti immersivi, ovvero un luogo ‘virtuale’ dotato di procedimenti tecnologici interattivi che permettono alla classe di agire in modo diretto con i contenuti proposti. Docenti e studenti potranno trovare e selezionare i moduli immersivi, in una Library, per l’attività didattica in un vasto ventaglio di argomenti grazie al ricorso di lezioni immersive, panoramiche 360°, video 360°, modelli 3D da rielaborare con l’aggiunta di contenuti multimediali. Una didattica multimediale inserita nell’ottica dell’Intelligenza Artificiale.

Verso nuove frontiere dell’apprendimento

L’adozione di questi metodi rivoluzionari trasforma l’ambiente fisico delle aule in spazi di collaborazione e condivisione del sapere. La possibilità di esplorare ambienti virtuali, viaggiare attraverso diverse epoche storiche in modo ludico e immersivo, offre agli studenti un’esperienza di apprendimento senza precedenti. Il direttore dell’Istituto, Daniele Nappo, sottolinea l’importanza di integrare strumenti digitali e risorse informatiche nel processo educativo, in linea con i principi del Piano Scuola 4.0, che prevede l’uso del Metaverso nel contesto scolastico.

Il Metaverso nella didattica: dalle mostre virtuali, a quelle immersive. Fare Storytelling e viaggi intorno al mondo. Con esempi pratici

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia