Il M5S chiede al ministro Bianchi interventi incisivi su classi pollaio e organico Covid

Stampa

Il Movimento Cinque Stelle chiede al ministro Bianchi azioni incisive in tema di sovraffollamento delle classi. Lo affermano, in una nota, le deputate Vittoria Casa e Alessandra Carbonaro.

“L’audizione alla Camera del Ministro Bianchi ha toccato molti argomenti. Esistono tuttavia criticità che esigono una risposta, che condizionano l’imminente inizio dell’anno scolastico e che purtroppo non danno certezze sul prossimo futuro. La prossima legge di bilancio sarà dunque un passaggio fondamentale per intervenire sia sul dimensionamento scolastico che sull’organico Covid”: così Vittoria Casa, presidente commissione Cultura Scienza e Istruzione alla Camera.

“La norma che quest’anno avrebbe permesso di evitare la reggenza di molti istituti è rimasta opera incompiuta. Occorre che dispieghi il suo effetto nel triennio. Anche per l’organico aggiuntivo destinato al recupero degli apprendimenti, le coperture arrivano fino al prossimo dicembre e andrebbero non solo previste per l’intero anno scolastico, ma utilizzate anche per lo sdoppiamento delle classi. Per non pregiudicare la qualità dell’insegnamento e mettere in difficoltà il sistema nel suo complesso, sarà necessario sciogliere questi nodi in sede di legge di bilancio” conclude Vittoria Casa.

“Durante le audizioni in commissione, il ministro Bianchi ha parlato della necessità di intervenire con azioni mirate sul sovraffollamento delle classi, fenomeno che abbassa drasticamente la qualità dell’apprendimento e che è diventato ancor più problematico durante la pandemia, in quanto incompatibile con l’esigenza di garantire il distanziamento. L’abolizione delle cosiddette ‘classi pollaio’ è una battaglia che il MoVimento 5 Stelle ha da sempre particolarmente a cuore e dal Governo ci aspettiamo il massimo impegno per superare una volta per tutte questa criticità che affligge la scuola italiana, già a partire dalla prossima legge di Bilancio”, dichiara Alessandra Carbonaro, capogruppo del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura a Montecitorio.

Stampa

Eurosofia avvia il nuovo ciclo formativo: “Coding e pensiero computazionale per la scuola del primo ciclo”