Il laboratorio d’informatica, esempio di Regolamento per disciplinarne l’utilizzo: regole per studenti, ruolo assistente tecnico e ATA, studenti con disabilità

Stampa

L’utilizzo a scopi didattici dei laboratori d’informatica, come d’altronde degli altri laboratori, è riservato a tutte le classi solo se guidate dai relativi docenti. Come in altri casi è necessario che gli istituti si dotino di un particolare regolamento che disciplini meglio l’utilizzo dell’aula e dei mezzi tecnologici.

I divieti

È assolutamente vietato effettuare copie dei programmi presenti sugli hard disk come stabilito nel Decreto Legislativo n. 518/92 “tutela legale del software”. È vietata ogni installazione di nuovo software, anche se per scopo didattico, al di fuori di quello previsto dal Responsabile di laboratorio. Eventuali nuovi software non presenti che vengano ritenuti necessari per l’attività didattica devono essere richiesti all’Assistente Tecnico, il quale ne verificherà il corretto funzionamento in rete e il rispetto delle norme sulla licenza d’uso e. in accordo con il Responsabile di laboratorio, li installerà sulle macchine. Tutti i lavori presenti sul disco fisso, estranei al software in dotazione, saranno periodicamente cancellati. I docenti che desiderano/devono salvare i propri lavori sono tenuti ad effettuare tali salvataggi su un cloud associato ad un loro indirizzo di posta elettronica (personale o istituzionale) o su una chiavetta adibita ad uso esclusivo del laboratorio di informatica della scuola.

Come utilizzare il regolamento

Le classi utilizzano il laboratorio nell’orario settimanale delle lezioni, previa prenotazione effettuata dal docente attraverso il form pubblicato nella pagina docenti del sito della scuola. Gli insegnanti che desiderano utilizzare il laboratorio con le classi, al di fuori del quadro orario, prenoteranno il laboratorio attraverso il form pubblicato nella pagina docenti del sito della scuola con almeno un giorno lavorativo di anticipo. Gli insegnanti che intendono utilizzare i laboratori individualmente, potranno accedere al laboratorio dopo averne verificata la disponibilità.

Compiti degli studenti

Gli alunni devono portare nei laboratori soltanto il materiale necessario per lo svolgimento della lezione. È vietato consumare cibi e bevande. Solo all’ultima ora di lezione le cartelle saranno tollerate se disposte in un angolo all’ingresso dei laboratori. I cellulari devono essere spenti.

Lo studente è responsabile della postazione usata durante l’ora di lezione ed è tenuto a segnalare immediatamente all’insegnante o al tecnico di laboratorio qualsiasi anomalia o malfunzionamento riscontrata. In caso di problemi riscontrati sulle macchine, gli insegnanti si rivolgono all’Assistente tecnico. L’insegnante segnala sul modulo (disponibile sulla cattedra del laboratorio stesso) sia i guasti sia gli eventuali danni riscontrati sulle postazioni o sugli arredi (scritte, ecc.).

È fatto espresso divieto utilizzare la rete per navigare in Internet per scopi personali; la posta elettronica privata può essere utilizzata unicamente a fini didattici e/o amministrativi.

Non devono essere effettuate continue stampe di prova dei file: appositi comandi ne permettono la visualizzazione a video. Non si deve utilizzare una stampante diversa da quella configurata e non deve essere comunque variata la configurazione della stampante.

L’utilizzo delle strumentalità informatiche

I menu di Office non devono subire variazioni: devono restare attive le barre dei menu standard e di formattazione. La posizione delle icone deve rimanere invariata.

Tutti i lavori presenti sul disco fisso, estranei al software in dotazione, saranno periodicamente cancellati. Gli studenti che desiderano/devono salvare i propri lavori sono tenuti ad effettuare tali salvataggi su un cloud associato ad un loro indirizzo di posta elettronica (personale o istituzionale) o su una chiavetta adibita ad uso esclusivo del laboratorio di informatica della scuola.

Il responsabile di trasgressioni al regolamento sarà punito secondo un criterio di gradualità dell’infrazione. In caso di danno lo studente, o chi esercita la patria potestà per gli studenti minorenni, risarcirà il danno. I provvedimenti disciplinari sono normati dal Regolamento di Istituto.

Compiti dell’assistente tecnico e del personale ATA

Il laboratorio viene aperto e predisposto dall’Assistente Tecnico al mattino prima dell’inizio delle lezioni, qualora l’Assistente tecnico dovesse essere assente, il laboratorio viene aperto e predisposto dal personale addetto (ATA) prima dell’inizio dell’ora di lezione prenotata. Gli alunni non possono avere accesso al laboratorio senza la presenza dell’insegnante.

L’Assistente tecnico effettua la manutenzione ordinaria di tutti i pc (aggiornamenti di sistema, pulizia dai file temporanei e cache, controllo virus e malware, ecc.) con cadenza quindicinale o mensile in base alla propria autonoma organizzazione del lavoro, avendo cura di pianificare la manutenzione in orari non coincidenti con le attività didattiche curricolari.

È compito dell’Assistente Tecnico consultare il calendario delle prenotazioni effettuate dai docenti e predisporre Il laboratorio prima dell’inizio delle lezioni, verificando il funzionamento e la fornitura dei materiali di consumo (es. carta stampante e livelli di inchiostro).

I siti internet

Al fine di operare un efficace controllo dei siti Internet visitati dagli studenti e dell’eventuale materiale scaricato, l’Assistente Tecnico dovrà implementare tutte le procedure affinché, tramite il proxy server, siano bloccati accessi e download da siti ritenuti inidonei e non didatticamente rilevanti.

In presenza di studenti disabili, qualora non sia contemplata la presenza del docente di sostegno o in caso di sua assenza, sarà attivato il servizio di accompagnamento da parte di un collaboratore scolastico.

Tutte le richieste di manutenzione o riparazione di qualsiasi natura o bene devono essere inoltrate dall’Assistente Tecnico. Tutti gli interessati possono fornire suggerimenti e richieste di modifiche e/o ampliamenti alla dotazione del laboratorio. Le stesse vanno inoltrate all’Assistente tecnico o al Responsabile di laboratorio, il quale le sottoporrà agli organi gerarchicamente competenti. Qualunque intervento di modifica o spostamento relativi ad attrezzature e strumentazioni del laboratorio dovrà essere eseguito dal personale autorizzato con la supervisione dell’Assistente tecnico o del Responsabile di laboratorio.

Il regolamento adeguato al laboratorio

Il Liceo Statale “Carlo Porta” di Erba (Co), diretto con eccezionale competenza dal dirigente scolastico prof.ssa Dott.ssa Marzia Pontremoli, ha predisposto, come altri istituti un apposito regolamento per disciplinare meglio questo importante momento di vita didattica della scuola anche alla luce di questa rivoluzione tecnologica. Sarebbe opportuno che tutte le scuole prevedessero scelte didattiche analoghe come quella dell’Istituto di Istruzione Superiore “A. De Viti Di Marco” di Casarano (Le) presieduto dall’ottimo dirigente scolastico, la Prof.ssa Maria Grazia Cucugliato. Istituto che ha stilato un regolamento eccezionale.

Regolamento laboratori

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile