L’attacco di un insegnante calabrese in servizio al Nord: “Molti prof non amano il loro lavoro, solo lo stipendio”

WhatsApp
Telegram

Un docente calabrese che insegna al Nord ha deciso di dare sfogo alla sua frustrazione sullo stato dell’istruzione in Italia attraverso una lunga lettera aperta pubblicata su Lac News. Le sue parole rivelano una visione piuttosto critica dei suoi colleghi insegnanti.

Già nell’incipit, il tono è amaro: “Non mi piace la scuola, non funziona”. Il docente prosegue lamentando la mancanza di rigore e linee guida nel sistema scolastico, attribuendo gran parte delle colpe agli stessi insegnanti. “Non so cosa leghi ad oggi alcuni insegnanti alle loro cattedre, forse lo stipendio” si chiede retoricamente.

Per lui, molti docenti trasmettono solo “frustrazioni, rabbia, rancore e paura di vivere” anziché saper appassionare gli studenti alla cultura. A suo avviso, si dovrebbero effettuare colloqui approfonditi per monitorare la preparazione degli insegnanti, che dovrebbero sempre domandarsi: “Oggi ai miei allievi racconterò la vita e li farò innamorare della cultura o dirò a loro quanto siano frustrati e depressi?”.

La lettera trabocca di amarezza per una scuola che il docente ritiene abbia tradito la sua missione educativa: “Mi dispiace per voi cari allievi miei, vi chiedo scusa al posto loro per non aver regalato nulla che rimanga indelebile nelle vostre vite”.

Nonostante la sua giovane carriera (“Lavoro da poco e sono già stanco”), afferma di aver già visto troppo, lamentando la precarietà e l’instabilità cui sono costretti gli insegnanti.

Tuttavia, non perde la speranza di poter cambiare le cose: “Credo ancora che qualcosa possa cambiare, deve cambiare e le istituzioni devono comprendere bene che non siamo merce di scambio”.

Con questo sfogo, il docente spera di “aprire gli occhi ai giovani e alle nuove leve” su una professione che, sebbene precaria per molti, rimane “una grande esperienza di vita” in cui si ha la grande responsabilità di formare i figli di tanti genitori che ancora credono nel sistema scolastico.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri