Il Giudice: Docenti, modelli di comportamento, soprattutto nella primaria

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I docenti, soprattutto quelli della scuola primaria, devono rappresentare un modello di comportamento.

E’ la parte saliente del giudice del Tribunale di Torino con cui conferma il licenziamento della maestra che aveva insultato i poliziotti durante un corteo di Casa Pound.

Per i docenti di scuola primaria – ha spiegato il giudice – i compiti educativi sono ancora più marcati rispetto ai colleghi degli altri gradi scolastici: hanno a che fare con bambini che non hanno sviluppato un senso critico e sono quindi portati ad ‘assorbire’ tutto ciò che viene trasmesso loro dall’insegnante, pertanto, un comportamento che violi le regole di civile convivenza e diffonda un senso disprezzo per lo Stato e i suoi comportamenti, tenuto dalla persona che dovrebbe essere modello di comportamento è ancora più grave”. 

Il giudice, seppur non esprimendolo apertamente, lascia intendere che il comportamento esemplare del docente a cui fa riferimento vada perseguito anche al di fuori dell’edificio scolastico.

“Il sistema scolastico – è un altro passaggio saliente del giudice – rileva infatti il giudice, rappresenta un “mezzo per promuovere ‘la crescita della persona in tutte le sue dimensioni’, improntato nel rispetto dell’ordinamento. Sarebbe quindi evidente il contrasto tra le finalità educative e il ruolo dell’insegnante e l’atteggiamento incontrollato e offensivo nei confronti delle forze dell’ordine” tenuto dall’insegnante”.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione