Il Garante della Privacy blocca ChatGPT, il Moige: “Necessario introdurre regole e norme più chiare a tutela dei minori”

WhatsApp
Telegram

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha bloccato ChatGPT, accusandolo di raccogliere illecitamente informazioni degli utenti.

Secondo il Movimento Italiano Genitori (Moige), manca un’informativa chiara e trasparente riguardo alla raccolta, archiviazione e utilizzo di questi dati.

Il direttore generale del Moige, Antonio Affinita, ha dichiarato che molte persone stanno utilizzando questa tecnologia, tra cui molti minori, attratti dall’intelligenza artificiale e dalla possibilità di creare contenuti in modo semplice. Tuttavia, la mancanza di trasparenza richiede maggiore attenzione, soprattutto per quanto riguarda i minori.

Affinita è d’accordo con la posizione del Garante per la Protezione dei Dati Personali e sostiene che le istituzioni e gli organi competenti dovrebbero accogliere l’appello e avviare le necessarie verifiche per garantire che chi sceglie di utilizzare queste tecnologie lo faccia in modo consapevole, senza vedere i propri diritti violati o i propri dati personali utilizzati in modo poco trasparente. Secondo Affinita, è necessario introdurre regole e norme più chiare, nonché una maggiore informazione.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Corso online per il superamento della prova scritta e orale: promozione Eurosofia a soli 70€