Il frutto proibito e il peccato originale dell’insegnante. Lettera

ipsef

item-thumbnail

inviata da Antonio Deiara – Nel Giardino dell’Eden cresceva un albero diverso da quello prediletto da Adamo ed Eva: l’Albero delle Conoscenze differenti. Ogni suo ramo produceva frutti specifici, dai linguistici ai numerici, dagli artistici ai musicali, dai tecnologici agli olimpici, etc. I non-guerrieri, non-contadini e non-allevatori potevano cogliere i pomi di una sola tipologia di conoscenza. Guai a chi si fosse cibato di un altro frutto, di un “frutto proibito”!

Il disastro avvenne quando le “Maestre a righe” vollero gustare i succosi pomi destinati alle “Maestre a quadretti”: tutte/i le/gli insegnanti vennero cacciati dal Giardino dell’Eden.

Si diffuse in quel tempo la Tuttologia, morbo che condannò le/i maestre/i ad insegnare ogni tipologia di Conoscenze differenti, a prescindere da passioni personali, studi effettuati, esperienze maturate.

Nello stesso periodo, un terribile flagello colpì la Terra della Stivale. Si trattava della Sindrome Minortempo. Ogni mattina, le/gli insegnanti arrivavano a Scuola ad orari differenti, svolgevano le lezioni e abbandonavano la cattedra nel Minortempo possibile.

Per qualche decina di pomeriggi all’anno, si ritrovavano per Riunionclassi, Classcolloqui e Collegidoc.

“Considerato il piatto di lenticchie che riceviamo, – rimuginavano le/i docenti – il Minortempo potrebbe essere ancor più ristretto”.

“Per un Minortempo così ristretto – sentenziava il MegaMinistro – il numero di lenticchie è anche troppo elevato.”.

Trascorsero lustri, anni e secoli.

Finalmente, il nuovo SapiensMinistro, promulgò un editto rivoluzionario: “Chi sceglierà di restare a Scuola per il MaggiorTempo riceverà un numero doppio di lenticchie! Chi confermerà il Minortempo verrà ricompensato come sempre.

Le Nuoveattività a favore di tutte/i le/gli alunne/i che le sceglieranno, saranno programmate sulla disponibilità complessiva di MaggiorTempo.”.

In pochi anni la Scuola rifiorì, sulle labbra delle professoresse e dei professori ritornò il sorriso, bambine/i e ragazze/i trascorrevano il MaggiorTempo nelle “Aule delle diverse esperienze”, scoprendo, coltivando e valorizzando le Personalpassioni.

Fabula docet: “Una lenticchia consumata per costruire il futuro dei Verigiovani, genera una ricchezza assai più grande di quella prodotta da una lenticchia conservata nei forzieri dei Vecchigiovani egoisti!”.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione