Il documento di valutazione dei rischi: cosa contiene. Con modelli da scaricare

WhatsApp
Telegram

Il “Documento di valutazione dei rischi”, redatto ai sensi del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i., ha lo scopo di effettuare la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.

Cosa contiene il documento di valutazione dei rischi

Ai sensi dell’art. 28 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i., il DVR, redatto a conclusione della valutazione, come si legge nel DVR dell’Istituto Comprensivo “Antonio Pagano” di Nicotera (VV), diretto dal dirigente scolastico Prof. Giuseppe Sangeniti, ormai un vero esempio di manager dello Stato, attento alla normativa, ia bisogni della comunità e dell’utenza, alle novità pedagogiche e metodologiche, contiene:

  • una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa, nella quale sono stati specificati i criteri adottati per la valutazione stessa;
  • l’indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui all’articolo 17, comma 1, lettera a);
  • il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza;
  • l’individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri;
  • l’indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio;
  • l’individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.

Il contenuto del documento di valutazione dei rischi

Il contenuto del documento di valutazione dei rischi rispetta le indicazioni previste dalle specifiche norme sulla valutazione dei rischi contenute nel D.Lgs. 81/08. In armonia con quanto definito dalle linee guida di provenienza comunitaria, con la Circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale n. 102 del 07.08.95, con le linee guida emesse dall’ISPESL, con le linee guida emesse dal Coordinamento delle Regioni e Province Autonome bisogna procedere a:

  • Individuare i lavoratori così come definiti all’art. 2, comma 1, lettera a) del D. Lgs. 81/08 e s.m.i.
  • Individuare le singole fasi lavorative a cui ciascun lavoratore pu essere addetto
  • Individuare i rischi a cui sono soggetti i lavoratori in funzione delle fasi lavorative a cui possono essere addetti.
  • Individuare ed analizzare le metodologie operative ed i dispositivi di sicurezza già predisposti.
  • Analizzare e valutare i rischi a cui è esposto ogni singolo lavoratore.
  • Ricercare le metodologie operative, gli accorgimenti tecnici, le procedure di sistema che, una volta attuate, porterebbero ad ottenere un grado di sicurezza accettabile.
  • Analizzare e valutare i rischi residui, comunque, presenti anche dopo l’attuazione di quanto previsto per il raggiungimento di un grado di sicurezza accettabile.
  • Identificare eventuali D.P.I. necessari a garantire un grado di sicurezza accettabile.

Strumento principale per procedere alla individuazione delle procedure aziendali atte a mantenere nel tempo un grado di sicurezza accettabile

Il documento di valutazione dei rischi non è quindi predisposto solamente per ottemperare alle disposizioni di cui al D. Lgs. 81/08 e s.m.i. ma anche per essere lo strumento principale per procedere alla individuazione delle procedure aziendali atte a mantenere nel tempo un grado di sicurezza accettabile. Si procederà alla rielaborazione del documento in caso di variazioni nell’organizzazione aziendale ed ogni qualvolta l’implementazione del sistema di sicurezza aziendale, finalizzato ad un miglioramento continuo del grado di sicurezza, la faccia ritenere necessaria.

Individuazione delle attività lavorative

Per la redazione del documento, come si legge nell’eccelente DVR dell’Istituto Comprensivo “Antonio Pagano” di Nicotera (VV), diretto dal dirigente scolastico Prof. Giuseppe Sangeniti, che si allega, in alcune sue parti come esempio prestigioso da fornire alle altre istituzioni scolastiche, è necessario procedere alla individuazione delle attività lavorative presenti nell’Unità Produttiva (intese come attività che non presuppongano una autonomia gestionale ma che sono finalizzate a fornire un servizio completo e ben individuabile nell’ambito della produzione).

All’interno di ogni attività lavorativa sono state individuate le singole fasi a cui sono associate:

  • Macchine ed attrezzature impiegate
  • Sostanze e preparati chimici impiegati
  • Addetti
  • D.P.I.

Ad ogni singola fase sono stati attribuiti i rischi:

  • derivanti dalla presenza dell’operatore nell’ambiente di lavoro
  • indotti sul lavoratore dall’ambiente esterno
  • conseguenti all’uso di macchine ed attrezzature
  • connessi con l’utilizzo di sostanze, preparati o materiali pericolosi per la salute.

ALLEGATO A .DEFINIZIONI RICORRENTI DEL DVR

ALLEGATO B – OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

ALLEGATO C – Norme tecniche di riferimento

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro