Il docente scrive una mail alla famiglia: “A scuola non c’è posto per vostro figlio con disabilità”. Il tribunale annulla la sanzione: “Messaggio frainteso”

WhatsApp
Telegram

Il caso di un insegnante di storia e geografia, in servizio presso una scuola in Val-d’Oise, ha sollevato questioni importanti riguardo l’inclusione e la comunicazione nel sistema scolastico.

Come segnala Le Parisien, nel 2021, il docente aveva inviato un messaggio a una madre tramite l’applicazione Pronote (l’equivalente del nostro registro elettronico). Nella comunicazione l’insegnante comunicava al genitore che non ci sarebbe stato spazio a scuola per il figlio con disabilità. L’insegnante è stato sottoposto a procedimento disciplinare e sanzionato dall’accademia di Versailles (la più grande di Francia con 100.000 dipendenti pubblici, 80.000 insegnanti e 1,2 milioni di studenti), successivamente annullato dal tribunale amministrativo di Cergy-Pontoise. Il messaggio, infatti, era stato frainteso, come sosteneva il docente e i giudici gli hanno dato ragione.

Il caso ha evidenziato il ruolo delle piattaforme digitali come Pronote nella comunicazione tra insegnanti e genitori. Sebbene questi strumenti siano utili per facilitare lo scambio di informazioni, possono anche portare a fraintendimenti, come dimostrato in questo incidente. Diventa fondamentale, dunque, che gli insegnanti ricevano una formazione adeguata sull’uso di tali piattaforme per garantire che la comunicazione sia chiara e non offensiva.

Uno degli aspetti più critici sollevati da questo caso è la necessità di formazione e sensibilizzazione degli insegnanti riguardo alle esigenze specifiche degli studenti con disabilità. Il commento dell’insegnante riflette una possibile mancanza di comprensione su come meglio includere e supportare gli studenti con bisogni speciali nel sistema scolastico ordinario.

La questione centrale non è solo la formazione degli insegnanti, ma anche una riflessione più ampia sulle strutture e sulle politiche scolastiche, per garantire che ogni studente, indipendentemente dalle proprie capacità, possa prosperare in un ambiente di apprendimento inclusivo.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: corso di formazione Eurosofia. Webinar di presentazione il 26 luglio ore 17.00