Il diploma di Ermond, studente non vedente, nato in Italia da genitori kossovari

WhatsApp
Telegram

Ermond Obrazhda, studente non vedente dell’Istituto “Obici” di Oderzo (Treviso) ha recentemente superato la prova orale della maturità. Ha presentato il libro “Non ci manca niente!”, scritto con il suo insegnante di sostegno, prof. Salvatore Signore. Nato in Italia da genitori kossovari, Ermond ha 20 anni e risiede a Olmi di San Biagio di Callalta. Ha ottenuto il diploma all’indirizzo “Nuovi servizi commerciali” con un punteggio di 82/100.

Una visione differente

Ermond considera la sua cecità non come una punizione, ma come un dono che lo ha reso più sensibile e capace di conoscere le persone in modo diverso. Descrive se stesso come timido, modesto e pigro, ma anche educato e determinato, caratteristiche che attribuisce alla sua famiglia. Durante l’esame di maturità, nonostante l’iniziale tensione, ha trovato serenità e fiducia in se stesso, risultando soddisfatto del percorso compiuto.

La vita scolastica e il sostegno della famiglia

Il supporto familiare è stato fondamentale per Ermond, che ha ricevuto tutti gli strumenti didattici necessari. La sua esperienza scolastica è stata segnata da momenti difficili, come quando una professoressa gli chiese di scrivere alla lavagna in terza media, e momenti di grande soddisfazione, come l’intero anno della seconda media in cui ha lavorato intensamente per recuperare.

Inclusione e autonomia

Il percorso di Ermond è stato sostenuto anche dalla scuola, che gli ha fornito gli strumenti necessari e ha lavorato per la sua inclusione. Il dirigente scolastico dell'”Obici”, Michele Botteon, ha sottolineato l’importanza di offrire pari opportunità a tutti gli studenti. Il prof. Salvatore Signore ha progettato un metodo di studio personalizzato per Ermond, permettendogli di seguire un ordine cronologico e sviluppare schemi mentali utili per le prove scritte.

Il futuro di Ermond

Ermond è consapevole dell’importanza dell’autonomia, una competenza che ha sviluppato anche imparando a percorrere da solo la strada per la scuola. Ora intende frequentare corsi di organizzazione domestica per accrescere ulteriormente la sua indipendenza. È pronto ad affrontare qualsiasi ostacolo, con una gioia di vivere rinnovata.

Un esempio di inclusione

Il prof. Signore ha evidenziato la soddisfazione nel vedere Ermond sicuro di sé durante l’esame finale, considerandolo un esempio importante per altri studenti non vedenti e per la comunità albanese in Italia. La storia di Ermond Obrazhda rappresenta un bell’esempio di inclusione e determinazione, mostrando come le difficoltà possano essere superate con il giusto supporto e una forte volontà.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00