Il Coordinamento degli studenti aquilani tornerà a manifestare a Roma, il 29 settembre alle 10:00

Di Lalla
Stampa

Dott.a Clara Calvacchi* – Il Coordinamento degli studenti aquilani, a seguito delle recenti dichiarazioni del Ministro Gelmini, la quale ha confermato che nei prossimi anni non ci sarà nessun reclutamento per i docenti abilitati e abilitandi esclusi dalle graduatorie, tornerà a manifestare a Roma, il 29 settembre alle 10:00, saremo tutti a piazza Quirinale, per chiedere al Presidente della Repubblica, l’abolizione di tutte le norme che violano l’art. 3 della Costituzione “Tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge”, noi abbiamo lo stesso titolo dei già inclusi in graduatoria, ma non gli stessi diritti.

Dott.a Clara Calvacchi* – Il Coordinamento degli studenti aquilani, a seguito delle recenti dichiarazioni del Ministro Gelmini, la quale ha confermato che nei prossimi anni non ci sarà nessun reclutamento per i docenti abilitati e abilitandi esclusi dalle graduatorie, tornerà a manifestare a Roma, il 29 settembre alle 10:00, saremo tutti a piazza Quirinale, per chiedere al Presidente della Repubblica, l’abolizione di tutte le norme che violano l’art. 3 della Costituzione “Tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge”, noi abbiamo lo stesso titolo dei già inclusi in graduatoria, ma non gli stessi diritti.

Il Ministro in tutti questi anni non è riuscita ad attivare un nuovo reclutamento, riteniamo doveroso mantenere in vigore il vecchio, dato che il Ministro ha fatto intendere chiaramente che per avere un nuovo reclutamento passeranno anni, ed è inammissibile continuare ad abilitare docenti e lasciarli nel vuoto normativo.

Noi abbiamo fatto un concorso di ammissione, più di cinquanta esami, abbiamo tutte le competenze di cui il Ministro Gelmini ha parlato per ore, ma dopo tante parole, di fatto blocca l’accesso all’insegnamento a chi conosce le moderne metodologie didattiche, come l’Ave Maria e l’informatica come il Padre Nostro, il 90% delle nostre tesi parlano di CLIL, degli strumenti dispensativi e compensativi per i DSA, siamo capaci di creare un sito web in 5 minuti e utilizzare perfettamente ogni ausilio informatico e non capiamo perché il Ministro esclude dalle graduatorie, gli insegnanti che posseggono le competenze di cui la scuola necessita. Spende miglia di euro in LIM che presumibilmente nessuno saprà usare.

Infine il Ministro si è vantato di attivare nuovi corsi abilitati per 12.500 docenti, ma se non c’è nessun reclutamento il nostro amato Ministro è orgoglioso di far spendere miglia di euro a 12.500 famiglie per abilitare alla disoccupazione…mi pregio di informare il Ministro, che per fare il disoccupato non e necessario spendere migliaia di euro per un abilitazione, si può fare il disoccupato anche senza titoli di studio specifici.

In mancanza di un reclutamento perché illudere i cittadini, perché far spendere alle famiglie italiane, già provate da una cascata di tasse, altri soldi per un titolo inutilizzabile?

Il coordinamento degli studenti aquilani chiede al Presidente della Repubblica che si adoperi, per annullare tutte quelle norme che violano il diritto costituzionale all’uguaglianza e alla pari dignità di tutti i cittadini, poiché come recita la Costituzione: “È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”, chiediamo gli stessi diritti dei nostri colleghi e di essere inseriti nelle Graduatorie ad Esaurimento.

*Rappresentante delle/gli studentesse/i nel Consiglio di Facoltà di Scienze della Formazione
Coordinatrice ANIEF Provincia dell’Aquila

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia