Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

“Il concetto di cittadinanza e nazionalità in un’UdA”, film che parlano della storia dell’Ucraina

WhatsApp
Telegram

Pubblichiamo una serie di link a risorse da utilizzare in classe al fine didattico che si legano agli eventi bellici tra Ucraina e Russia. All’intero anche un file da scaricare riguardante una Unità di Apprendimento sul concetto di cittadinanza e nazionalità.

Zemlya (Terra); 1930, regia di Oleksandr Dovzhenko

La terra è dove il cinema ucraino inizia davvero. Dovzhenko, una delle figure principali dell’avanguardia sovietica insieme a Sergei Eisenstein, Vsevolod Pudovkin e Dziga Vertov, racconta una storia sulla collettivizzazione dei contadini ucraini. Dovzhenko ha denunciato privatamente questa politica stalinista per la sua violenza e il sequestro delle proprietà dei contadini, ma l’ha usata come espediente narrativo per inquadrare una serie di vignette sulla vita nel villaggio ucraino. Sotto la trama di ricchi contadini ( conosciuti come kulak ) che combattono per minare una fattoria collettiva è un bellissimo immaginario della natura ucraina e delle qualità uniche della cultura popolare ucraina. Il film di Dovzhenko ha dato il tono a gran parte del cinema ucraino, incentrato com’è sui contadini e sulla campagna rurale come emblema della nazione nel suo insieme.

Guardalo su: https://sovietmoviesonline-com

Za Dvoma Zaytsiamy (Inseguendo due lepri); 1961, regia di Viktor Ivanov

Sebbene i film ucraini più significativi del secolo scorso siano incentrati sul villaggio, Chasing Two Hares è uno dei pochi che esplora Kiev come uno spazio urbano multiculturale e multilingue. Si svolge intorno all’inizio del XX secolo e si concentra su un truffatore piccolo borghese che corteggia due donne contemporaneamente. I Kyivans venerano il film di Ivanov e una statua dei protagonisti si trova anche nel centro di Kiev, dove alcune coppie si fanno fotografare prima di sposarsi. A differenza della maggior parte dei film in questo elenco, Chasing Two Hares è più un fenomeno di cultura popolare che un’opera di alta arte cinematografica.

Guardalo su: https://sovietmoviesonline-com

Tini Zabutykh Predkiv (Le ombre degli antenati dimenticati); 1965, regia di Sergei Paradjanov

Shadows of Forgotten Ancestors è ampiamente considerato il miglior film ucraino mai realizzato ed è stato riconosciuto come tale dal sondaggio della critica sui 100 migliori film ucraini dell’Oleksandr Dovzhenko National Center. In apparenza, il film di Paradjanov è una storia d’amore semplice e senza tempo che evoca i temi di Romeo e Giulietta , ma si distingue per essere ambientato nei Carpazi lungo il confine ucraino-rumeno. Il film presenta la cultura e la musica nativa degli Hutsul, una tribù di pastori di montagna isolata (la produzione ha impiegato membri effettivi della comunità per esibirsi come comparse). Ombresuscitò un più ampio interesse per i Carpazi come uno spazio che affermava la differenza culturale ucraina, in particolare dai russi. Durante la prima del film a Kiev nel 1965, il critico letterario ucraino Ivan Dziuba ( morto due giorni prima dell’invasione la scorsa settimana) salì sul palco per denunciare le politiche sovietiche di russificazione. Seguì una massiccia rivolta nel centro di Kiev.

Guardalo su: https://easterneuropeanmovies-com

Kaminnyi Khrest (La croce di pietra); 1968, regia di Leonid Osyka

Stone Cross di Osyka è un film tranquillo e minimalista che segue una famiglia di contadini impoveriti alla fine del 19° secolo nella regione della Galizia, nell’Ucraina occidentale. Il patriarca di famiglia, Ivan Didukh, decide di trasferire la sua famiglia in Canada, un’esperienza comune ai contadini galiziani in questo momento. La maggior parte del film si svolge a una festa d’addio che la famiglia Didukh tiene prima di partire. Le crude immagini in bianco e nero di Osyka bilanciano attentamente la disperazione del protagonista nel dover lasciare la sua terra natale con le canzoni gioiose e gli intricati costumi popolari degli abitanti del villaggio. Come tanti film ucraini degli anni ’60, Stone Crossfunziona come un’allegoria più ampia per la distruzione dei contadini ucraini dalla fine del XIX secolo fino all’Holodomor del 1932-1933, quando Stalin progettò una massiccia carestia che uccise milioni di ucraini. Naturalmente, poiché si trattava di un film sovietico, Osyka si limita a accennare a questo riferimento con l’attenzione della sua macchina da presa sul paesaggio arido e improduttivo.

Guardalo su: https://easterneuropeanmovies-com , https://www-amazon-com

Propala Hramota ( La lettera perduta ); 1972, regia di Borys Ivchenko

Un altro film storico, questo adattato dal libro di racconti ucraini di Mykola Gogol, La lettera perduta , si svolge durante la metà del 18° secolo. Il film di Ivchenko segue le avventure comiche di due cosacchi: uno inviato a consegnare una carta dell’hetman (il leader dello stato cosacco nell’Ucraina orientale) a un’imperatrice russa e un altro in cui si imbatte lungo la strada. Vasyl il cosacco perde la carta (sua moglie gliel’aveva cucita nel cappello) e incontra demoni malvagi mentre si reca in Russia. Il film è pieno di motivi folcloristici che prendono in giro anche i russi. Come molti esempi di cinema poetico, il Partito Comunista ha impedito al film di raggiungere le sale cinematografiche, sostenendo in questo caso che La lettera perduta possedeva “elementi di nostalgia” per l'”antichità cosacca” ucraina.

Guardalo su: https://www-amazon-com

Povodyr (La guida); 2014, regia di Oles Sanin

Sebbene molti film ucraini realizzati dopo la caduta dell’Unione Sovietica abbiano esplorato il destino dell’Ucraina sotto lo stalinismo, nessuno lo ha fatto così bene come La guida di Sanin. Il film è incentrato su un comunista americano e suo figlio che vanno in URSS pieni di idealismo negli anni ’30 e iniziano una famiglia con una donna del posto. L’uomo e la donna finiscono per essere uccisi, ma il figlio viene salvato da uno dei musicisti ciechi conosciuti come kobzari e diventa la sua guida. Il kobzar è una figura chiave nella cultura popolare ucraina, che è cieco per definizione e suona un grande strumento simile a un liuto chiamato bandura. Molti furono uccisi negli anni ’30 a causa del loro legame con il nazionalismo ucraino pre-sovietico. La guida è il primo grande film ad esplorare questa cultura perduta che un tempo ha dovuto affrontare una persecuzione così pesante.

Guardalo su: https://sovietmoviesonline-com

Maidan ; 2014, regia di Sergei Loznitsa

Sebbene nel 2013-2014 siano stati realizzati diversi documentari sul movimento Euromaidan, il film di Loznitsa si distingue per il suo approccio “fly-on-the-wall”. Mentre altri documentari affrontano gli eventi in un modo tipicamente eroico, Maidan li vede attraverso una lente più quotidiana, catturando persone che mangiano nelle mense, curando i feriti in ospedali improvvisati e semplicemente sedendo in giro cercando di capire cosa sta succedendo. In sostanza, questo è un film sul popolo di Kiev che vive una rivoluzione. Il documentario mostra la natura multilingue di Kiev, insieme a come le idee politiche nascono e si trasformano quando gli eventi sul campo cambiano. Il film è sia iper-specifico nell’argomento che universale come documento di un movimento di successo per rovesciare un governo oppressivo.

Guardalo su: https://itunes-apple-com

Sluga Naroda ( serva del popolo ); 2015-19, regia di Aleksey Kiryushchenko

Sebbene non sia un film, questo lavoro è troppo essenziale per essere escluso dalla lista. Uno dei programmi televisivi post-Euromaidan più popolari in Ucraina, Servant of the People è interpretato dall’attuale presidente, Volodymyr Zelensky, come insegnante di storia in una scuola superiore a Kiev che diventa il presidente del paese. La sitcom ha stimolato la campagna dell’attore principale per battere l’incumbent Petro Poroshenko nelle elezioni presidenziali del 2019 e diventare l’attuale leader dell’Ucraina in tempo di guerra. In molti modi, la piattaforma del presidente Zelensky attinge dai temi esplorati in questo programma televisivo, come la lotta alla corruzione e la distensione con la Russia. Allo stesso tempo, la serie mette in evidenza gli spazi reali di Kiev: i minuscoli appartamenti in cui vive la maggior parte degli ucraini con le loro famiglie allargate, nonché gli spazi allo stesso tempo affollati ma ampi della capitale.

Guardalo su: https://sovietmoviesonline-com e https://www-youtube-com

Ukrains’ki Sheryfy (sceriffi ucraini); 2015, regia di Roman Bondarchuk

In questo documentario sul villaggio di Stara Zbur’yivka, appena a nord della Crimea, sul delta del fiume Dnipro, Bondarchuk si concentra sulla vita quotidiana durante l’annessione russa della penisola nel 2014 e sul movimento separatista sostenuto dalla Russia nel Donbas. Concentrandosi su due normali cittadini della comunità economicamente depressa che sono stati nominati sceriffi, questo lavoro etnografico tragicomico esplora l’Ucraina rurale contemporanea e come questi “pesci piccoli in un grande stagno” combattono con i più grandi eventi geopolitici che accadono proprio accanto a loro. Il film mette in evidenza come funziona il patriottismo ucraino in un villaggio misto linguisticamente ed etnicamente.

Guardalo su: https://www-amazon-com

Donbas ; 2018, regia di Sergei Loznitsa

La seconda voce in questa lista del pluripremiato regista Loznitsa, Donbas, è una serie di scenette dalle regioni separatiste dell’Ucraina. Loznitsa ha tratto ispirazione, e in alcuni casi ha citato direttamente, video amatoriali realizzati nelle repubbliche sostenute dalla Russia. In una scena, giovani teppisti allineati con una donna anziana hanno picchiato un soldato ucraino catturato; in un’altra scena, un soldato ribelle ubriaco si sposa, ma la cappella nuziale sgargiantemente decorata precipita nella violenza e nel caos. Sebbene alcuni critici cinematografici russi abbiano denunciato il film come una snobistica rimozione della cultura operaia del Donbas, Loznitsa tratta questa parte dell’Ucraina orientale come uno spazio etno-culturale distinto che non è né ucraino né russo.

Guardalo su: https://sovietmoviesonline-com

Un’UdA sulla cittadinanza e la nazionalità

Forte è nella comunità ucraina il sentimento di nazionalità e il concetto di cittadinanza. Parlarne, nelle nostre scuole, a partire da questa tragica e drammatica esperienza è, non solo fondamentale, ma anche prioritario. Farlo a partire da un’importante filmografia ma anche da un percorso pedagogico e didattico sulla cittadinanza: valore fondante di ogni coscienza nazionale e collettiva. L’UdA che vi proponiamo vanta una sperimentazione di prestigio quella della “Comunità volontari per il mondo” di Porto San Giorgio. La pregevole UdA strutturata dall’equipe pedagogico della CVM (l’Ente che ha all’attivo una grande sfida quello dello “sviluppo di tutto l’uomo e di tutti gli uomini”) è denominata “Il concetto di cittadinanza: Quale concetto di cittadinanza oggi?”.

UDA-CIttadinanza

WhatsApp
Telegram

Perché scegliere il Corso di Preparazione al Concorso per Dirigente scolastico di Eurosofia?