Il caso della supplente senza stipendio da novembre: “Ho dovuto chiedere aiuto alla mia famiglia”

WhatsApp
Telegram

Sul Secolo XIX la storia di Georgia, architetto e supplente in una scuola media di Genova.

“Sono stato assunta a fine novembre per una supplenza breve in sostituzione di una collega in maternità. Non mi sono allarmata i primi mesi senza stipendio perché capita alla nostra categoria. Adesso, però, mentre lavoro per gli Esami di Stato comincio a preoccuparmi. Temo che non andrò mai oltre i 10mila euro per cui ho lavorato tutto l’anno con contratto pieno”.

Il dirigente scolastico spiega: “Sono andato personalmente a controllare, probabilmente c’è un errore informatico a monte, ma c’è anche un problema legato al fondo da cui viene erogato lo stipendio della nostra supplente”.

Poi aggiunge: “Ci sono altri casi di docenti precari in ritardo con i pagamenti, ma mai mi era capitato un caso del genere. Il suo contratto era stato registrato regolarmente, lo abbiamo controllato più e più volte”.

L’insegnante, 50 anni e due figli da mantenere, ha ammesso di aver dovuto chiedere aiuto alla propria famiglia di origine per provvedere alle spese.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri