Il caso del bimbo di 4 anni costretto a mangiare in mensa solo due fette di pane. La mamma: “Negata la pasta in bianco”

WhatsApp
Telegram

A soli 4 anni, un bambino che frequenta la scuola materna mangia solo due fette di pane durante il pasto in mensa. I genitori, preoccupati per l’inappetenza del figlio, si sono rivolti a due pediatri per risolvere la situazione.

“Nostro figlio, come certificato dai pediatri, è inappetente e per questo a mensa si limita a due fette di pane. Non riesce a mangiare la pasta con il sugo”, spiegano.

La richiesta dei genitori è semplice: una dieta in bianco per il bambino. “L’abbiamo richiesta, ma purtroppo sembra proprio non sia possibile”, affermano. I due certificati medici che attestano l’inappetenza del bambino risalgono a marzo, e un terzo verrà inviato dall’avvocato della famiglia nelle prossime ore.

“Li abbiamo inviati al Comune e alla dirigente scolastica. Viene prescritto una dieta in bianco”, continuano i genitori. “Siamo stati convocati in Comune, dove ci è stato detto che quella di mio figlio non sarebbe una patologia. Sembrerebbe non vogliano sconvolgere il menù per un bambino. Eppure per celiaci e bambini con altre patologie si interviene.”

I genitori intendono inviare un terzo certificato medico per risolvere la situazione. “Nostro figlio è da settembre scorso che mangia appena due fette di pane e non è giusto, anche perché la mensa la paghiamo regolarmente.”

Come segnala il Corriere Adriatico, l’amministrazione comunale ha incontrato i genitori, dimostrando “massima disponibilità e comprensione”. Tuttavia, secondo le loro dichiarazioni, “la mensa garantisce sempre le sostituzioni ai pasti in quei casi in cui i documenti ne certificano la necessità. Abbiamo una commissione mensa, di cui fa parte anche la nutrizionista dell’azienda sanitaria, che segue con grande attenzione i menù.”

Il Comune si attiene alle linee guida tecnico-operative specifiche per le diete speciali ricevute dall’azienda sanitaria, in base alle quali possono essere distribuiti pasti diversi rispetto a quelli previsti nel menù, nel caso di bambini che presentano specifico certificato medico o nel caso di specifiche esigenze culturali.

“Dopo l’incontro di pochi giorni fa pensavo la situazione fosse compresa e che sarebbe arrivata a breve la documentazione corretta. Il personale si sarebbe subito organizzato. La richiesta espressa in modo generico non poteva purtroppo essere accolta”, ha concluso il vice sindaco.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri