Il caro vecchio diario scolastico è ancora cult: il 40% degli studenti lo usa. Non solo un mezzo per segnare i compiti, ma anche per condividere i ricordi

WhatsApp
Telegram

In un’era dominata dalla tecnologia, un oggetto della tradizione scolastica italiana risorge come simbolo di nostalgia e individualità: il diario cartaceo. Ricordate la Smemoranda, l’agenda cult degli anni 80 e 90?

Usata da 25 milioni di italiani e con un posto persino nella Treccani, il diario cartaceo era un primitivo social network, luogo di canzoni, citazioni, dediche e foto.

Oggi, malgrado l’avanzamento delle alternative digitali, il diario cartaceo conserva il suo fascino. Un recente sondaggio di ScuolaZoo, la community di studenti più grande d’Italia, ha rivelato che il 40% degli studenti ancora lo usa. Sono stati intervistati 5.300 ragazzi e ragazze tra gli 11 e i 18 anni, e i risultati sono sorprendenti.

Non solo un mezzo per segnare compiti e interrogazioni (23%), il diario cartaceo è anche uno strumento di “distrazione” (20%) e un modo per valorizzare l’individualità attraverso personalizzazioni. Un 6% di studenti lo usa proprio come un tempo: per condividerlo, raccogliere dediche e favorire un’interazione sociale che manca nelle soluzioni digitali.

La scelta del diario è un processo particolare. Il 40% degli studenti lo seleziona in base alla copertina, mentre il 27% si concentra sui contenuti. Solo il 9% lo sceglie per il brand, e un 24% in modo casuale. Curiosamente, il 10% lo acquista online, mentre la maggioranza preferisce cartolerie o negozi fisici.

I dati mostrano che, in un mondo sempre più connesso, il diario cartaceo mantiene un posto speciale nei cuori degli studenti. Simbolo di un’epoca passata, continua a essere un mezzo per esprimere l’identità, condividere ricordi e riscoprire il piacere della scrittura a mano. Un oggetto tanto semplice, eppure in grado di tessere legami profondi e unici, il diario cartaceo non è destinato a sparire così facilmente.

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia