Il bonus, roba da figli e figliastri. Lettera

Lettera

Inviata da Mario Bocola – Esiste il bonus dei figli e dei figliastri? A scuola certamente. E ci sono coloro che amano essere edulcorati, lodati, osannati dal Dirigente Scolastico: sono coloro che
ronzano come api nei paraggi della stanza della Presidenza, che obbediscono ciecamente ai comandi e agli ordini saltando di scatto.

Il Dirigente Scolastico, ovviamente per garantire il buon funzionamento dell’istituzione scolastica deve affidarsi ad uno staff di collaboratori ed ecco che molti si danno letteralmente da fare per ingraziarsi il Dirigente Scolastico con parole di elogio, di encomio, di plateale riconoscenza. Insomma compiono quell’opera di inzuccheramento, approfittando
della situazione e si trasformano in lecchini di professione.

E allora il DS per ringraziare tutti coloro che si sono prodigati mettendosi proni al suo servizio concede il premio, quel famigerato “bonus per la valorizzazione del personale docente”, una sorta di mancia propinata al docente che per modo di dire ha lavorato di più, ma in verità è stato un moltiplicatore di progetti ad usum delphini. Ed ecco come va avanti
la scuola. Altro che di didattica, altro che conoscenze e competenze. Sic transeat gloria mundi!

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia