Il 90% dei bambini di età superiore agli 8 anni utilizza già Internet e il 72% ha incontrato una minaccia informatica. Gli esperti: “Serve educazione alla sicurezza sul web”

WhatsApp
Telegram

L’istruzione gioca un ruolo cruciale nello sviluppo di una società. Nel contesto di una realtà sempre più digitalizzata, è imperativo concentrarsi sull’educazione sicura nell’uso della tecnologia, specialmente per i più giovani.

Il Global Cybersecurity Forum, nel suo rapporto “Why Children are Unsafe in Cyberspace”, ha evidenziato una statistica allarmante: il 72% dei bambini ha subito una minaccia informatica online. Il dato sottolinea la vulnerabilità dei bambini a violazioni della privacy, con potenziali impatti sulla loro salute mentale e fisica. Nonostante il 90% dei bambini oltre gli 8 anni sia attivo online, solo il 40% dei genitori è consapevole delle minacce informatiche subite dai propri figli.

Check Point, leader globale nella cybersecurity, sottolinea che gli attuali sforzi di sensibilizzazione e le misure di sicurezza non sono sufficienti. I bambini spesso non sono consapevoli delle diverse minacce online, e anche i genitori possono essere all’oscuro di questi pericoli. Adottare misure preventive per la protezione online dei bambini è dunque fondamentale.

Tra le principali misure di protezione proposte, si includono:

  1. Imparare giocando: utilizzare il gioco per insegnare la sicurezza informatica ai bambini, attraverso app e giochi online che simulano minacce e aiutano a riconoscere e a proteggere i dati personali.
  2. Etica e cybersecurity: connettere l’insegnamento della sicurezza informatica con la formazione etica, per sviluppare futuri cittadini responsabili e consapevoli nell’uso delle tecnologie.
  3. Demistificare l’hacker: educare i bambini sulle diverse facce dell’hacker, distinguendo tra criminali informatici e “white hats”, che usano le loro competenze eticamente.
  4. Cybersecurity nel curriculum scolastico: integrare l’educazione alla sicurezza informatica nelle scuole, sensibilizzando i bambini sui rischi e fornendo loro strumenti di protezione.
  5. Creare una rete sicura: insegnare ai bambini a rilevare attacchi informatici come il phishing, a usare password sicure, a proteggere i social media e a riconoscere tentativi di phishing.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri