Il 42% dei bimbi tra i 5 e i 9 è in sovrappeso. Coldiretti: “Fenomeno preoccupante, poca attività fisica e troppa tv”

WhatsApp
Telegram

In Italia, il 42% dei bambini tra i 5 e i 9 anni risulta obeso o in sovrappeso, il peggior risultato nell’Unione Europea, dove la media si attesta al 29,5%, con un potenziale impatto negativo sulla salute delle giovani generazioni.

Queste informazioni emergono da un’analisi di Coldiretti basata sui dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, diffusa in occasione della Festa dell’Educazione Alimentare nelle scuole.

Coldiretti sottolinea come la situazione abbia acuito un fenomeno preoccupante, poiché i dati mostrano che i problemi di peso nel nostro Paese riguardano soprattutto i giovani, con un quadro allarmante anche tra i 10 e i 19 anni, che registrano una percentuale di obesi o in sovrappeso del 34,2% rispetto al 24,9% degli adolescenti europei.

La riduzione forzata dell’attività fisica e l’aumento del tempo trascorso in casa e davanti alla TV durante gli anni della pandemia si sono aggiunti all’adozione di modelli di consumo errati all’interno delle famiglie, con il preoccupante abbandono dei principi della Dieta Mediterranea.

L’analisi di Coldiretti sui dati dell’OMS rivela che ben 6 adolescenti italiani su 10 non consumano quotidianamente frutta e verdura, incrementando i rischi legati all’obesità e alle malattie ad essa correlate.

Inoltre, i bambini italiani praticano meno attività fisica rispetto ai loro coetanei europei. Infatti, il 95% dei bambini italiani non svolge un livello adeguato di attività fisica, posizionando l’Italia all’ultimo posto tra i Paesi OCSE, secondo i dati dell’OMS.

Non sorprende, quindi, che circa il 70% dei bambini italiani trascorrano almeno due ore al giorno davanti alla TV o utilizzando tablet, computer e smartphone, risultando secondi in questa classifica negativa solo dietro San Marino.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia: un nuovo corso intensivo a cura della Dott.ssa Evelina Chiocca: “Il documento del 15 maggio, l’esame di Stato e le prove equipollenti”